Il ragazzo dei muri

Una volta, ma tanto tempo fa, anche io ho frequentato le scuole medie inferiori. E avevo ottimi rapporti di amicizia, come tutti credo, con alcuni compagni di classe.
Tra questi c’era M., con cui andavo molto d’accordo, un ragazzino simpatico, sempre con la battuta pronta, con cui si studiava, e quando si usciva si scherzava. Non abbiamo mai litigato. Aveva però una particolarità. Quando voleva fare una battuta un po’ più cattivella, o rispondere male a qualcuno, tirava sempre in ballo un particolare modo di uccidere: il murare viva una persona. Quindi, se litigava con qualcuno gli diceva: “Ti murerei vivo.”, quando un’insegnante assegnava troppi esercizi diceva: “Questa starebbe bene murata viva”. Anche quando si giocava, scherzava sempre sul murare vivo qualcuno. Una volta fece anche un disegno: un muro di mattoni, visto davanti, dove però si vedeva in trasparenza, tipo radiografia, una figura umana murata al suo interno, e sotto mise anche una didascalia: “si murano vive persone su richiesta, sconti per le comitive.”
No non era matto, era un ragazzo normalissimo, e soprattutto un bravo ragazzo che non avrebbe mai fatto male ad una mosca. Aveva però questo pallino della gente chiusa dentro un muro. Pensai che forse era una delle sue paure, un suo incubo da bambino, e che ne parlasse per esorcizzare questo terrore.
Finite le scuole medie, prendemmo strade diverse. Io presi la mia, lui prese un’altra strada, iscrivendosi alle superiori ad un istituto tecnico… ehm… per geometri (ma all’epoca non ci feci caso, non collegai le cose…).
Oggi un collegamento l’ho fatto. Ritrovare M. dopo 30 anni esatti, e scoprire che nel frattempo è diventato un affermato ingegnere civile, che costruisce non solo case, ma anche chiese, scuole, ponti, strade e ferrovie… beh sì, dopo tanti anni ammetto che mi ha dato da pensare…

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in ricordi. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Il ragazzo dei muri

  1. minpeppex ha detto:

    L’unica via percorribile per uno col pallino di murare vive le persone, così può finalmente trasformare i sogni in realtà! 😀
    Per inciso, è un po’ anche una fissa mia, quando dico “rinchiudere in una segreta e gettare via la chiave”… non è forse la stessa cosa? 😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...