E alla fine, doveva succedere

Poi dicono che uno torna sempre a parlare di monnezza…

Il 20 marzo 2012 passerà alla storia non per essere stato l’equinozio di primavera anticipato (complice l’anno bisestile). Eh no, sarà ricordato come il giorno in cui hanno preso fuoco le famigerate ecoballe depositate nell’area di stoccaggio antistante l’inceneritore di Acerra.
Risultato notevole, se si pensa che il luogo è sorvegliato a vista dai militari 24 ore su 24.
La storia di quelle maledette ecoballe è vecchia e nota (qui se ne è parlato a quintali, da 5 anni a questa parte): la loro costruzione e la loro costituzione sono irregolari, non si sa cosa c’è dentro, si sa solo che non potevano essere bruciate in impianti ad ok, figuriamoci a cielo aperto.
I vigili del fuoco si stanno ammazzando di fatica per spegnere l’incendio, al momento non è nota la direzione dei venti, pertanto non è possibile prevedere dove sta andando la nube tossica.
Con i migliori auguri per tutti.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in vie dei rifiuti. Contrassegna il permalink.

7 risposte a E alla fine, doveva succedere

  1. minpeppex ha detto:

    E nonostante tu ne parli da 5 anni e io ti abbia seguito e letto il tuo libro, continuo a far fatica a capire la logica che c’è dietro un atto del genere… sì, insomma, cui prodest? chi ha tratto beneficio dall’aver incendiato un cumulo di ecoballe poco eco e molto balle, che stava lì da anni e perdipiù, presidiato dai militari???
    Non c’è una logica, non può esserci, è tutto semplicemente perverso 😦 e sono terribilmente dispiaciuta per chi sarà costretto ad inalare quell’aria avvelenata 😥

  2. alex321v ha detto:

    Invece una logica (malefica) c’è.
    Quelle ecoballe sono un problema nazionale grave. Non possono stare lì, vanno rimosse, e non si sa cosa farne. Troppo velenose per essere messe in discarica o incenerite. Un bel groppone sullo stomaco per chi è responsabile della bonifica del territorio. E ce ne sono 4 milioni e mezzo sparse oramai per mezza italia.
    Stanotte qualcuno avrà brindato: si è liberato di un discreto numero di quelle maledette zavorre.

  3. vinc ha detto:

    ma….come mai nessun telegiornale nazionale ne parla??

  4. Daniele ha detto:

    Mi accodo a “Vinc”: se non leggevo te, il nulla.
    Il Belpaese…
    Chissà se quei militari fumano.

  5. storiediunadonna ha detto:

    insomma, hanno risolto un probelma…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...