Notizie che scorrono…

Grande spazio nei telegiornali nazionali sul distributore di benzina “in nero” sequestrato a Palemo.
Grande spazio si fa per dire, poichè la notizia è stata data in modo parziale, incompleto e con coperture che se proprio non vogliamo definire scandalose, sono quanto meno sospette.
Ogni telegiornale ha puntato il dito verso il fatto che la benzina verde ed il gasolio venissero venduti a circa 1.1 euro al litro, e che l’improvvisato “benzinaio abusivo” fosse disoccupato. Una volta arrestato lui, non ci sono complici e quindi sequestrato l’impianto il caso è chiuso.
Bella frottola, possiamo dirlo apertamente. Finchè facciamo il pane di contrabbando in casa, allora può anche starmi bene, ma per la benzina di contrabbando no. A meno che il “benzinaio abusivo non detenesse abusivamente l’intera filiera: pozzo di petrolio, raffineria, trasporto e distribuzione alla pompa.
Pertanto verrebbe voglia di chiedere alla Guardia di Finanza di Palermo perchè il caso è chiuso, visto che quanto meno a partecipare all’affare della benzina di contrabbando c’è anche una compagnia petrolifera, quella che ha fornito all’abusivo sia la verde sia il gasolio. O si vorrà dire che questo signore si faceva la benzina in casa? Non solo quella benzina viene da una raffineria e da uno o più depositi di stoccaggio (quindi c’è stato lucro, contrabbando ed evasione fiscale data la vendita in nero) di una compagnia petrolifera, ma poi qualcuno gliela deve aver portata, con qualche autocisterna.
E allora perchè dire che il benzinaio abusivo non ha complici? Guai a chi tocca le compagnie petrolifere, italica ignoranza televisiva, o cosa?

Altre notizie.
Proiettata sul Colosseo la scritta “aiutiamo i nostri marò”. Per Rossella Urru non lo si è fatto. Certo, lei non ha mica assassinato due pescatori.
Si chiede di eliminare la Divina Commedia dalla scuola, perchè è razzista ed educa alla non parità. Eliminiamo anche la matematica, allora, visto che non appena scrivo a < b ho già presentato una disuguaglianza.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in informazione. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...