Oltraggi alla miseria

La nota rivista economica Forbes pubblica anche quest’anno la classifica dei cento uomini più ricchi del mondo, messi in ordine di miliardi di dollari di guadagno annuo (ovviamente a parte i fondi neri).
La si può trovare on line a questo link www.forbes.com/wealth/billionaires/list
Ci sarebbero alcune cose da notare… e cioè che viene fatta la classifica in certi casi per famiglie e in altri per persone, mentre facendola sempre per famiglia il risultato sarebbe stato diverso. Pertanto, si tratta di un dato assolutamente falsato.
L’uomo più ricco del mondo è un imprenditore delle telecomunicazioni, è messicano (e questo forse nessuno se l’aspettava), è l’uomo che con l’azienda di famiglia negli scorsi anni ha imposto con metodi mafiosi i suoi servizi telefonici in gran parte del continente americano. Al secondo posto, si conferma ancora il trustista-monopolista-mafioso Bill Gates, con un reddito di 56 miliardi di dollari (diventa difficile anche dire a prima vista con quanti zeri si scrive…), MA, e sottolineo MA, se andiamo a curiosare per bene, scopriremo che tutta la classifica è falsata, mascherando chi in realtà siano i più ricchi e potenti del mondo. Al decimo posto c’è una rappresentate della famiglia dell’uccisore del piccolo commercio mondiale, la signora Christy Walton, sorella di S. Robson Waltan, inventore del concetto di centro commerciale, padrone e signore della catena di store Walmart, se al decimo posto c’è Christy Walton, con 26,5 miliardi di dollari di reddito, al 20° c’è l’altro suo fratello Jim Walton, con altri 21,3 miliardi di dollari, al 21° c’è la sorella, Alice Walton con 21,2 miliardi, e al 22° il fratello maggiore, quel S. Robson Walton, e sono altri 21 milardi.
Pertanto, se andiamo a sommare il reddito di questa famigliola di Bentonville (Arkansas), il totale fa ben 90 miliardi di dollari! Il che li mette prepotentemente al primo posto nel mondo. Invece, al primo posto si legge “Carlos Slim Helu & Family, 74 miliardi di dollari”. Avrebbe dovuto esserci scritto “S. Robson Walton & brothers, 90 miliardi di dollari”. Invece Forbes ha deciso di mascherare e insabbiare questo particolare. Chissà perchè. Forse occorreva nascondere che negli Stati Uniti c’è una famiglia che a suo confronto fa apparire come pezzenti le varie famiglie Bush, Rockfeller, Trump, ecc. ecc.

Venendo in Italia, nei primi cento più ricchi del mondo c’è qualche italiano. Il più ricco è il signor Michele Ferrero (quello del cioccolato), al 32° posto con 18 miliardi di dollari, al 71° Leonardo Del Vecchio (quello degli occhiali) con 11 miliardi di dollari. Filtrando i risultati per nazione, e scegliendo l’Italia, si possono scoprire molte cose interessanti. Ad esempio che anche da noi c’è un piccolo “imbroglio”: se si sommano i redditi dei quattro fratelli Benetton, si ottiene un reddito di famiglia che batte quello della famiglia Berlusconi.

Per chi ha tempo e voglia… è possibile curiosare su e giù per questa lista.. e scoprire ancora altre cose interessanti…
Ad esempio, Amancio Ortega, proprietario spagnolo della catena mondiale Zara, è nella top ten dei miliardari, con 31 miliardi di dollari, ed è più ricco del suo concorrente, lo svedese Stefan Persson, il proprietario di H&M. Larry Page e Sergey Brin (entrambi alla testa di Google), hanno ciascuno di loro un reddito che supera (anche se di poco) quello del Principe Alwaleed Bin Talad Alsaud, leader degli investimenti nel settore petrolifero in Arabia Saudita, ed è forse questo il segno principale del “peso” della cosiddetta “new economy”…
E ancora: Michele Ferrero guadagna con i suoi cioccolatini 4,5 miliardi di dollari all’anno in più di Mark Zuckerberg. Lo stesso Zuckerberg è anche il più giovane miliardario.
Il più vecchio miliardario è una donna: Anne Cox Chambers, che a 92 anni dichiara ancora 13,4 miliardi di dollari di reddito annuo, è alla testa della Cox Enterprises di Atlanta, holdin che controlla un rispettabile numero di radio, televisioni, giornali. E guadagna il doppio di Murdock.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in economia - articoli, ricerche. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Oltraggi alla miseria

  1. xabra ha detto:

    bel pezzo!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...