.: Cronaca dall’Interno :.



 

Una volta, circa 5 anni fa (ero giovane all’epoca…), una donna mi disse: “sbagli i momenti in cui scrivi, tu per come sei dovresti scrivere solo sotto ubriachezza”.
Bene, non ho mai saputo e non saprò mai se aveva ragione o no ma, nell’ipotesi che avesse ragione, vuol dire che è la serata buona. Non sono precisamente ubriaco eh, sia chiaro, diciamo brillo, dopo tre aperitivi. 🙂
 

Credo che una delle cattiverie più grandi che si possano fare a qualcuno sia lo sfruttare dei “precedenti” per attaccare, mascherando sapientemente altre cose, diciamo una forma di attacco preventivo.

Per fare un esempio, poco fa leggicchiavo qua e là, in giro per la rete, ed ho trovato molto fastdiosa una notizia, non per il fatto di cronaca che è ben poca cosa, ma proprio dal punto di vista umano. Provo a riassumere la vicenda, a parole mie, svincolandola dalla notizia in sè, perchè mi interessa fare una riflessione molto più astratta.
Il personaggio A è pregiudicato. Pregiudicato nel senso che anni fa ha commesso qualcosa che non doveva commettere. Beccato in flagrante, si è fatto il processo, si è preso la condanna, e si è fatto due anni e qualcosa di pena, scontata interamente, senza riduzioni. Ora, da un punto di vista giuridico, il personaggio A ha scontato il suo debito con la giustizia e con la società. Da un punto di vista umano e sociale, A ha scontato la pena, pertanto può essere messo alla prova per un reinserimento.
Nelle sue vicende di vita, il personaggio A cerca davvero di reinserirsi onestamente, e incontra un personaggio B, che come poi A scoprirà troppo tardi, ne ha fatte altrettante di cose brutte, ma è stato abbastanza furbo da non farsi mai beccare dalla giustizia. Il personaggio A prova a entrare in affari (legali, stavolta) con B. Nulla che sia contro la legge. Il personaggio A inoltre, memore della batosta giudiziaria, agisce con la massima trasparenza possibile. Il personaggio B invece no, anzi… cerca di fregare A, e ci riesce con scaltrezza, mettendo in atto comportamenti ambigui e tendendo trappole al “socio”.

Il problema è che A, da buon pregiudicato che certe cose in passato le ha fatte, se ne accorge. Non appena se ne accorge, dice a B: “Ehi, ma che stai facendo? E’ una bella vigliaccata, quel che fai!”
Il personaggio B ha aggredito violentemente A, urlandogli che in realtà era il contrario (sei tu che cerchi di fregare me), anche davanti all’evidenza dell’ingiustizia delle accuse, e concludendo con: “Il pregiudicato sei tu, mica io! Tu sei quello di sempre, sei ancora quello di allora… sei ancora quello che eri, quando delinquevi”.
In pratica, B sta imbrogliando A, anzi alla fine lo ha imbrogliato e gli ha rubato tutto, ma sfruttando il fatto che A è pregiudicato, lo denuncia per una specie di falso ideologico e per truffa.
 
Tralasciando tanti elementi della vicenda, che taglio per brevità, tutti seriamente inquietanti e di una miserabilità che se non è unica è quanto meno rara, tralasciando anche la profonda disonestà intellettuale del personaggio B, a me, sinceramente, questo personaggio B crea un senso di profonda nausea, dal punto di vista umano. Al di là del fatto che anche questa conclusione sia una vigliaccheria, giunta tra l’altro alla fine di una sequenza quasi continua di altre vigliaccate, la mia riflessione banale è che non voglio immaginare quanto si sia sentito male A, perchè sono certo che nulla faccia più male, ad uno che di colpe ne ha avute, di essere accusato strumentalmente di cose che non ha fatto, nonostante sia stata evidente la sua onestà e la sua trasparenza. Ad essere fastidioso, è il concetto di distorsione della realtà, ad uso e consumo personale, a scopo di prevaricazione, accusando l’altro di essere un distorsore, ma lo stesso ragionamento (e gli stessi ribaltamenti) si possono applicare anche ad altri concetti negativi, come l’arroganza, la superbia, ecc. ecc. bla bla bla. Il tutto mascherandosi dietro il fatto che A sia un pregiudicato.
L’unica nota umoristica è stata la profonda ignoranza del funzionamento di una rete informatica da parte di B, ma questa è un’altra storia, che forse prima o poi racconterò. Ci sono spunti di ilarità non indifferenti.
 

Credo che una delle maggiori schifezze del genere umano, in assoluto, non solo delle relazioni interpersonali, sia proprio questa: il credersi più furbi degli altri e, quando scoperti, aggreddire sostenendo di essere aggrediti.
Credo che la questione di cui ho letto termini qui, nel senso che di sicuro A si guarderà bene in futuro dal fare affari con B, però l’ingiustizia, quella, non si cancellerà mai, resterà presente per sempre, pesante come un macigno. Auguriamo a quel macigno di esercitare tutto il suo peso sulle spalle del personaggio B 🙂
Forse la sera farei meglio a non leggere notizie, in rete 😉 Potrei ad esempio approfittare del silenzio della notte per scrivere qualcosa di più importante di una riflessione personale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni. Contrassegna il permalink.

14 risposte a .: Cronaca dall’Interno :.

  1. tiptop ha detto:

    Cos'è più importante, da scrivere, di una riflessione personale?
    A parte questo, pensavo se la lettera B capitata al personaggio B, fosse casuale, e se il nostro B non si circondi apposta di A (più o meno impuniti) sfruttando un meccanismo simile, visto quanto conosce la "comunicazione".

  2. tiptop ha detto:

    Cos'è più importante, da scrivere, di una riflessione personale?
    A parte questo, pensavo se la lettera B capitata al personaggio B, fosse casuale, e se il nostro B non si circondi apposta di A (più o meno impuniti) sfruttando un meccanismo simile, visto quanto conosce la "comunicazione".

  3. alex321 ha detto:

    La lettera è casuale, però il paragone è calzante! 🙂 Bella riflessione. Sono anche io convinto che i tipi B abbiano bisogno di circondarsi di tipi A. 🙂

  4. alex321 ha detto:

    La lettera è casuale, però il paragone è calzante! 🙂 Bella riflessione. Sono anche io convinto che i tipi B abbiano bisogno di circondarsi di tipi A. 🙂

  5. alidada ha detto:

    benritrovato Alex! Vedo che non hai perso la verve di allora 

  6. alidada ha detto:

    benritrovato Alex! Vedo che non hai perso la verve di allora 

  7. alex321 ha detto:

    L'avevo persa, infatti. Ma l'ho ripresa. Prima o poi ci si rialza sempre, nonostante i danni. Anzi, chi ha subito un danno è pericoloso, perchè sa di poter sopravvivere 😉

  8. alex321 ha detto:

    L'avevo persa, infatti. Ma l'ho ripresa. Prima o poi ci si rialza sempre, nonostante i danni. Anzi, chi ha subito un danno è pericoloso, perchè sa di poter sopravvivere 😉

  9. macca ha detto:

    Io solo alla fine del mio solito soliloquio quasi quotidiano parlo di "imparare". Tu, giustamente, nel tuo commento (di cui ti ringrazio assai) dici che molte persone adorano le cialtronate. Nel tuo post (ben scritto, al solito) tutto questo appare ancora più evidente, così come è evidente la distanza che separa la ragionevolezza, l'onestà (anche intellettuale) e il senso civico di tante persone da questi personaggi.
    E' una lotta, Alex, quotidiana e nel quotidiano, per fare in modo che quello che insegniamo ai figli non siano solo belle favole di un tempo che fu.
    Buona giornata.

    Dan

  10. macca ha detto:

    Io solo alla fine del mio solito soliloquio quasi quotidiano parlo di "imparare". Tu, giustamente, nel tuo commento (di cui ti ringrazio assai) dici che molte persone adorano le cialtronate. Nel tuo post (ben scritto, al solito) tutto questo appare ancora più evidente, così come è evidente la distanza che separa la ragionevolezza, l'onestà (anche intellettuale) e il senso civico di tante persone da questi personaggi.
    E' una lotta, Alex, quotidiana e nel quotidiano, per fare in modo che quello che insegniamo ai figli non siano solo belle favole di un tempo che fu.
    Buona giornata.

    Dan

  11. 1KONAN ha detto:

    IL problema è che qui ci stiamo abituando troppo a "sopravvivere"…

    sempre con piacere leggerti nuovamente.

  12. 1KONAN ha detto:

    IL problema è che qui ci stiamo abituando troppo a "sopravvivere"…

    sempre con piacere leggerti nuovamente.

  13. ladolcetempesta ha detto:

    e prima ( un quarto d'ora fa') qui' ero  a darti il benritornato
    e la stessa pensata di konan ma splinder e' ritornato
    a fare capricci e se le' mangiato
    e che ormai ci stiamo abituando a sopravvivere a tutto
    e si accetta in silenzio anche che ci riportino indietro
    portandoci in un'esperienza che nessuno vuole e che nessuno trova giusto

    un bacione postpasquale

  14. ladolcetempesta ha detto:

    e prima ( un quarto d'ora fa') qui' ero  a darti il benritornato
    e la stessa pensata di konan ma splinder e' ritornato
    a fare capricci e se le' mangiato
    e che ormai ci stiamo abituando a sopravvivere a tutto
    e si accetta in silenzio anche che ci riportino indietro
    portandoci in un'esperienza che nessuno vuole e che nessuno trova giusto

    un bacione postpasquale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...