.: Un quarto di secolo :.

29 luglio 1983. Un quarto di secolo fa. Una Fiat 126 imbottita di esplosivo
esplode a Palermo, in via Pipitone Federico. Muore il magistrato

Rocco Chinnici
, a capo dell’Ufficio Istruzione della Procura di
Palermo, e padre del pool antimafia.
Assieme a lui, altre tre vittime: due componenti della
sua scorta, il maresciallo dei carabinieri Mario Trapassi, l’appuntato Salvatore Bartolotta,
ed il portiere dello stabile davanti al quale è avvenuta l’esplosione, Stefano Li Sacchi.
Ad azionare il detonatore è stato Pino Greco, killer specializzato della cosca dei corleonesi. Molto
specializzato, visto che tra le sue vittime figuravano, oltre a vari boss rivali dei
corleonesi, anche Pio La Torre e Carlo Alberto Dalla Chiesa.
Pino Greco non pagherà mai alla giustizia terrena i suoi crimini: è scomparso
nel settembre 1985, eliminato su ordine di Totò Riina tramite lupara bianca.
 

Il primo grande processo alla mafia, il cosiddetto maxi processo di Palermo, è il
risultato del lavoro istruttorio svolto proprio da Rocco Chinnici. Pertanto, lo stesso
era assolutamente da eliminare.
 

Vista la levatura del personaggio, non ho molte parole da dire. A volte
per ricordare non servono parole, tra l’altro.
 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in documenti, mafie. Contrassegna il permalink.

9 risposte a .: Un quarto di secolo :.

  1. macca ha detto:

    OT.
    Eh, Ale…
    Troppo buono, sei.
    Io sono un poverino, altrochè.
    :-))
    Grazie.
    Daniele

  2. macca ha detto:

    OT.
    Eh, Ale…
    Troppo buono, sei.
    Io sono un poverino, altrochè.
    :-))
    Grazie.
    Daniele

  3. lucanellarete ha detto:

    riguardando i video del maxiprocesso ho due sensazioni: la prima è che è bellissimo assistere a uno scontro in cui si distinguono benissimo il bene e il male, e vedere che il bene trionfa; la seconda è l’amarezza dell’irripetibilità di un evento del genere, che dovrebbe essere insegnato nelle scuole, al pari della vita e dell’operato di rocco chinnici
    ciao
    luca

  4. utente anonimo ha detto:

    Mi domando e dico….loro…i giudici…saranno stati contenti delle loro vite? Possono dire o meglio potevano dire di viverle pienamente?
    😉
    Liz.

  5. lorypersempre ha detto:

    OT
    Pochi giorni fa, per sbaglio, sono passata dalle parti di Acerra.
    Una puzza di immondizie semibruciate che non ti dico… 😦
    Leela

  6. lorypersempre ha detto:

    OT
    Pochi giorni fa, per sbaglio, sono passata dalle parti di Acerra.
    Una puzza di immondizie semibruciate che non ti dico… 😦
    Leela

  7. alex321 ha detto:

    @Liz: Mi piace pensare che siano stati contenti. Alla fine è un mestiere che, soprattutto all’ufficio istruzione, è un po’ una vocazione…

    @Leela: che ti aspettavi? Profumo di petali di rose? 🙂

  8. alex321 ha detto:

    @Liz: Mi piace pensare che siano stati contenti. Alla fine è un mestiere che, soprattutto all’ufficio istruzione, è un po’ una vocazione…

    @Leela: che ti aspettavi? Profumo di petali di rose? 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...