.: Certi epiloghi… sono inevitabili… :.

Di solito un epilogo è un finale… pertanto è meglio,
per capire o ricordare i fatti, partire dall’inizio.

Qualcuno che qui conoscete molto bene così scrisse, analizzando
un pesante fatto di cronaca, su Altrenotizie il 6 aprile 2007
(l’articolo originale e integrale è
qui, ed i grassetti li ho messi ora):

“Tra le otto persone arrestate dalla Guardia di Finanza, che ha eseguito
ordinanze di custodia emesse su richiesta
dei pm della Divisione Distrettuale Antimafia di Napoli Raffaele Cantone
e Alessandro Milita, c’è Claudio De
Biasio, subcommissario ai rifiuti con delega agli impianti. In pratica,
il vice del Commissario Bertolaso.
L’accusa? Tra le più gravi possibili: il concorso esterno ed il
favoreggiamento di associazioni mafiose di stampo
camorristico, con un chiaro riferimento al cartello di clan dei casalesi
ed ai La Torre di Mondragone. Truffa ai
danni dello Stato, l’aver agevolato interessi patrimoniali dei due clan.
Questo quanto emerso dalle indagini, che
si sono avvalse della collaborazione di alcuni pentiti. Non è solo
quello di De Biasio, l’arresto
eccellente
.

Anche Giuseppe Valente, ex presidente del Consorzio di Smalitimento
rifiuti Caserta 4 è accusato di truffa
aggravata, e ha ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari. In
manette anche i fratelli Michele e Sergio
Orsi, esponenti dei DS
ma anche imprenditori nel settore dei
rifiuti, ed alcuni elementi ai vertici del clan
dei casalesi. In particolare, i fratelli Orsi sono accusati di essere
il tramite tra la camorra e la
politica
casertana.

(…)
Gli esponenti dello Stato avrebbero ricevuto cospicue somme di denaro
provenienti dai profitti ricavati
dall’attività dell’azienda Eco 4, società controllata dai fratelli
Orsi
alla quale è affidato il servizio
di raccolta dei rifiuti in ben 18 Comuni della provincia di Caserta.

La truffa contestata agli indagati sarebbe stata realizzata in parte con
false fatturazioni atte a creare fittizie
situazioni debitorie del consorzio Caserta 4, a vantaggio della società
dei fratelli Orsi, per un valore di
905.000 euro. Gli inquirenti hanno accertato inoltre l’esistenza di
società fittizie, la vendita simulata di
azioni, una serie di irregolarità per eludere l’eventuale rifiuto della
certificazione antimafia, la stipula di
alienazioni di azioni per un corrispettivo di 9.100.000 euro.”

Mica caramelle, insomma… Sono cifre di quelle che, come si direbbe a
Napoli,
“Miettl n’derr, e vir si camminano”.

Non finisce qui. Nello stesso articolo, viene scritto, più
avanti:

“Vengono contestati dai magistrati anche degli episodi di corruzione da
parte di Michele Orsi. Uno per
l’ottenimento della certificazione antimafia, in cui è coinvolto un
funzionario dell’ispettorato del lavoro di
Caserta, componente del gruppo ispettivo antimafia istituito in
prefettura; l’altro relativo al rilascio del
rinnovo del porto d’armi, ottenuto grazie a un ispettore di polizia in
servizio alla questura di Caserta.
Poi vengono i legami con la criminalità organizzata. La DDA di Napoli su
questo è certa delle accuse che muove:
c’è un patto tra gli amministratori della Eco 4 e la criminalità
organizzata di Mondragone, alla quale veniva
versata una tangente di 15.000 euro mensili per poter svolgere
l’attività nel territorio controllato dal clan.”

Per quanto riguarda Claudio De Biasio, nell’articolo si ricorda
di un’intercettazione
telefonica, nella quale Michele Orsi parla con una persona non
indagata, e dice:
“Claudio De Biasio? E’ uno di noi!”
Niente male, no? 🙂

Tutti i cattivi arrestati, dunque, ma i magistrati sanno bene che dietro
ogni
cattivo si nasconde almeno un mandante di cattivi, che tesse le fila, e che
gli arrestati casertani sono sì politici-camorristi (sì sì entrambe le
cose
in contemporanea), ma sono soltanto una punta d’Iceberg.

L’occasione per andare avanti viene proprio da uno degli arrestati: da
Michele Orsi, che non decide di diventare collaboratore di
giustizia
, ma nonostante questo sceglie di dichiarare spontaneamente
al PM tutto quello che sa
.

Quindi chiariamo: non è un pentito, e neanche un testimone: è un imputato che ha scelto di non essere reticente.
Bene. Orsi fa il dichiarante serio, e se li canta tutti, ma proprio
tutti.
Se li canta a livello totale. E’ originario del basso casertano, e
conosce tutti
i meccanismi, e li svela ai magistrati. Racconta di come esponenti del clan
La Torre gestiscano loro, e non certo chi è stato eletto non da
loro,
il comune di Mondragone. Svela tutti i meccanismi al punto in cui il
sostituto
procuratore della DDA che ha guidato l’inchiesta partita dal racconto di
Orsi
ha scritto di aver scoperto: “Un patto scellerato fra camorra e
politica, garanti a vicenda per la loro stessa
sopravvivenza, che si autoalimentava con il sostegno di operazioni
legate al settore dei rifiuti”.

E in questo patto c’era un nome eccellente.
Sempre qualcuno che conoscete, così scrisse su Altrenotizie il
14 novembre 2007 (l’articolo integrale sta
su Altrenotizie):

“6 arresti ed un totale di 19 indagati, tra i quali figura un nome
eccellente: l’ex ministro delle Comunicazioni
Mario Landolfi, parlamentare di An e coordinatore dello stesso partito
in Campania, attuale presidente della
commissione vigilanza della Rai. (…) le contestazioni giudiziarie
rivolte al sindaco ed all’ex ministro:
concorso esterno in associazione camorristica, estorsione e corruzione
di pubblico ufficiale, aggravate dalla
finalità camorristica, truffa ai danni dello Stato. Secondo la DDA di
Napoli, Landolfi, in accordo con il sindaco
Conte, con il presidente del consorzio intercomunale CE4 Giuseppe
Valente, e con i fratelli Sergio e Michele Orsi,
amministratori della ECO4, azienda per la raccolta e smaltimento dei
rifiuti, avrebbero “convinto” un consigliere
comunale, Massimo Romano, a dimettersi dalla carica, in cambio di un
meglio remunerato posto di lavoro nella ECO4
per la moglie e per il fratello poliziotto.”

Sempre nello stesso articolo, più avanti, si racconta che:
“Il quadro che inizia a formarsi è quello di un litorale domitio
soggetto alla continua e costante pressione
mafiosa, da parte del clan dominante dei La Torre, nei confronti della
Eco 4, nonché la profonda infiltrazione del
medesimo clan all’interno dell’amministrazione comunale di
Mondragone.”

Beh, Landolfi continua a fare il parlamentare, perchè la gente ha fatto
la fila
per votarlo, e questo è ok e si sa… Ma il resto? Avviciniamoci
all’epilogo.
E voglio farlo in modo diretto, non ho voglia di giri di
parole.

Come avrete letto dai giornali, negli ultimi mesi le operazioni contro i
clan
casertani si sono moltiplicate, al punto in cui qualcuno crede
erroneamente che
“i casalesi li stanno arrestando”. Già, erroneamente perchè hanno più
emergenti e
riservisti loro che l’esercito italiano, per cui per uno arrestato, ce
ne sono due
nuovi, e sarà sempre così finchè non si attacca l’humus sociale dove
crescono (d’altronde
sono anni che dico che la sola soluzione giudiziaria non basta). Ma in
ogni caso
le operazioni si sono moltiplicate. Grazie al boss Bidognetti pentito, e
grazie alle dichiarazioni del personaggio
di cui stiamo raccontando, Michele Orsi.
Pertanto, con queste due bocche larghe che cantano, l’attacco è
stato serio
davvero, contro i clan.
Le contromisure? Beh, i clan ancora una volta non possono fare molto da
soli,
senza un serio aiutino, che di solito si ha l’impressione che
venga
proprio dallo Stato
.
No no, non sto provocando, sia chiaro. Sto guardando solo i fatti.
Già perchè qualcuno mi deve spiegare una cosa. Qualcuno mi deve spiegare
per
quale serio motivo non era stato assegnato nessuno strumento di
sicurezza e tutela… proprio per Michele Orsi.
Come racconta il suo avvocato: “Non abbiamo mai chiesto un programma di
protezione per Michele Orsi, ma abbiamo chiesto sicurezza, una tutela per
un soggetto che era un dichiarante per i PM”.

Passiamo all’Epilogo, che è meglio.
In questo momento, mentre scrivo queste righe, si è appena concluso il
funerale di Michele Orsi. Concluso. Prima che il supertestimone potesse
fare altri nomi.
La mattina di domenica primo giugno, rigorosamente dopo la messa,
fuori un bar nel centro di Casal di Principe, alle spalle della scuola, in
pieno corso Dante,
due sicari in motocicletta gli hanno esploso contro tanto di quel piombo
da essere certi di chiudergli la bocca per sempre. Domenica scorsa. Già
perchè giovedì prossimo avrebbe dovuto testimoniare, presso il tribunale
di Napoli, a quel processo lì, sì proprio quello sull’emergenza
rifiuti in Campania. Per cui… doveva tacere prima di giovedì.
Poi, il 17 giugno, sarebbe stato in udienza per un altro processo, quello
De Biasio, che lo vedeva tra gli imputati.

No, non chiedete a me per quale motivo… una settimana prima
di dover testimoniare in tribunale non era sotto scorta. Io non lo so. La
domanda dovrebbe essere rivolta molto più in alto.
Il resto è fuffa. E di fuffa ne è già volata parecchio, a tutti i
livelli.
Potete trovare poca fuffa su Sole 24
ore
,
e poi tanta tanta fuffa su
Il Messaggero,
Caserta Sette, e
Repubblica.
Dove potrete leggere tante frottole ed imprecisioni, potrete leggere contemporaneamente
che era un testimone (ma se è un imputato…), e un pentito (e come potrebbe un testimone
essere un pentito, e poi non lo è mai stato, un pentito), e tanta tanta fuffa a volontà.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in discariche, mafie, napoli. Contrassegna il permalink.

24 risposte a .: Certi epiloghi… sono inevitabili… :.

  1. fraba ha detto:

    “(…)e sarà sempre così finchè non si attacca l’humus sociale dove crescono (d’altronde sono anni che dico che la sola soluzione giudiziaria non basta).”

    Con questa classe politica?!?!?
    Alessà, ma di che stiamo parlando. Quì ormai, pur di favorire “o’sistema”, si autorizza lo sversamento dei rifiuti tossici per decreto (giusto per evitare problemi con la magistratura e per aiutare “gli amici”)

    La tua terra è ormai morta. Resta a Roma.

    Appena posso, scappo anche io.

    Un abbraccio.

  2. alex321 ha detto:

    France’… sei pessimista stamattina… eh? 🙂

    Cmq, se quella terra è morta, vuol dire che anche a Roma resta poco tempo prima di fare la stessa fine (parlando di classe politica….)

  3. rigirandola ha detto:

    Ciao Ale, mi sono rubata un attimo di tempo per leggere…
    Stamane avevo intenzione di scrivere un post siu questa notizia.
    Una notizia che mi ha sconvolta.
    Anche io avrei puntato dritta sul nome di Mario Landolfi…sai com’è…giusto perchè il suo nome emerge dalle rivelazioni…non per altro eh…
    Comunque il post dopo lo scrivo lo stesso.

  4. Maryanna1982 ha detto:

    Quando a settembre c’era Roberto Saviano e l’ex presidente della camera a Casal di Principe,la polizia c’era addirittura tiratori scelti

    e poi mi chiedo che senso ha fare la festa della polizia a Casal di Principe?
    come si dice dalle parti mie..e quindi anche dalle tue…”venen men int’ e cusutur”

    non so se ieri eri qui..comunque il campo rom di ponticelli è stato di nuovo incendiato..le fiamme si vedevano dalla tangenziale..

    buon inizio settimana…

  5. alex321 ha detto:

    Landolfi è solo una pedina… 🙂
    Il problema è che non si arriverà mai ai suoi mandanti, e neanche a chi ha preteso, come ha detto giustamente l’on. Barbato, un “indulto sui rifiuti tossici”, regolarmente fatto dal nuovo governo… Eppure, sono tutti nomi noti!

  6. rigirandola ha detto:

    Dopo cercherò di capire a cosa ti riferisci cercando la dichiarazione di Barbato e “l’indulto”
    🙂

  7. utente anonimo ha detto:

    che dire è tutta una brutta storia : dalla testa il pesce comincia a puzzare non ci sono dubbi su questa scienza popolare da ” a cape affetesce u’ pesce ” buongiorno da una persona onesta e povera con 1.306,00 di pensione dopo 35 anni di lavoro dipendente in Camera di commercio.

  8. nonsologeomangio ha detto:

    Miiiiiiiiiii!!!!
    Certo che manca poco pure a Roma.
    Pochissimo!

  9. rigirandola ha detto:

    http://rigir[..] Eccomi qua. Oggi la giornata pubblica è cominciata con una di quelle notizie da brivido, una di quelle che ti auguri siano pubblicate in prima pagina su tutti i quotidiani nazionali e la cui eco arrivi in tutte le case. Si parla ancora di Monne [..]

  10. zanzaretta ha detto:

    Ok… la bocca gliel’hanno chiusa… hanno vinto un’altra volta…

  11. Perlediyogurt ha detto:

    Eh…Napoli morta? Anche Roma? Forse, più probabilmente, l’Italia intera. Dalle mie parti sento un sacco di gente dire di essere orgogliosa di stare al nord, quasi che il sud fosse un’appendice scomoda (il punto è che molti di quelli che quì parlano così, sono proprio del sud!)…non lo capiremo mai che forse altrove le cose funzionano meglio perché se c’è un problema lo si tratta come problema dell’intera nazione. Invece perdiamo tempo a dire: “Noi no, sono quelli là i cammorristi, i disonesti”…siamo noi tutti. La mafia ha attecchito, si è estesa grazie a tutti quanti gli italiani.

  12. brunius ha detto:

    Pruvessò, vi ho tirato la volata…

    un dilettante

    http://pensatoio.ilcannocchiale.it/post/1926942.html

  13. brunius ha detto:

    Solo che ho parlato di pentito
    Apposta so’ dilettante
    scusate pruvessò…

    Pensatoio

  14. utente anonimo ha detto:

    Per zanzaretta: poi la bocca la chiudiamo anche ad altri, anche a chi scrive qui.

  15. alex321 ha detto:

    Non so chi sei, ma dal linguaggio che usi sei poco credibile. Pertanto non puoi darmi altra sensazione se non una risata. Solo per questo, ti approvo il commento.

  16. brunius ha detto:

    Hanno lasciato un commento del genere anche sul mio post riferendosi a te.
    Facciano sul serio o per scherzo
    l’output è sempre una cagata.

    Pensatoio

  17. alex321 ha detto:

    Ohhh che bravi! Mi mandi per mail l’IP?

  18. rigirandola ha detto:

    Beh a quanto pare i vigliacchi, i codardi sanno anche scrivere, avranno pagato la scuola dei loro figli con i soldi ricavati dal sangue di altri bambini, ma si sa, loro di essere umano non hanno piu’ nulla. Marcirete anche voi nella terra solo che il vostro marcire avrà la puzza della m…a, ma anche quello è un elemento troppo nobile per voi.
    Ma….che campate a fare? Perchè? Siete capaci solo del piacere derivato dal potere usurpato? Dal potere della violenza? Senza armi, senza guardie del corpo, siete niente. Vigliacchi, solo vigliacchi.
    Continuate, campate così, ingrassate che la vita che conducete vi ripagherà. Vita? Ma perchè la vostra è vita? Senza protezione, senza armi, senza guardiaspalle siete niente e questo vi fa imbestilire vero? Ma le bestie sono nobili al vostro cospetto. Voi siete esseri amorfi. Mostri anche se portate le cravatte, anche se vi improfumate. Puzzate di marcio e brucereste i vostri figli per non sentire la vosta impotenza.
    Ale scusa, forse non approverai…

  19. utente anonimo ha detto:

    Sei stato attento al mozzicone acceso, tu e chi ti difende? :)))
    Ma poi, tu e gli altri, ne avete di figli? O parlate tante per parlare? Non ve ne preoccupate? O credete di stare al sicuro, stando nascosti dietro un monitor?

  20. alex321 ha detto:

    Ti ho approvato il commento giusto perchè insisto sulla pista del fake :))

  21. ladolcetempesta ha detto:

    alex scusa ma perche dai voce a chi voce non dovrebbe avere
    perche non lasci direttamente l’ip alla polizia postale
    e chiudi la porta a chi non ha nemmeno il coraggio di firmarsi sia pur con un nome fittizio

    vorrei rispondere solo ad’una affermazione
    e’ perche si hanno figli
    che si lotta per
    lasciargli un mondo pulito

    e gente come michele orsi e tanti come lui non vivono dietro ai monitor
    per questo diventano facili bersagli

  22. alex321 ha detto:

    Virgy, ma guarda che non credo sia una cosa seria, ma una persona poco intelligente che vuole scherzare. Sai, quando si vuole far sul serio… non credo che si usi questo mezzo, cioè il commento sul blog. Pertanto, credo si tratti di qualcuno che vive dietro ad un monitor, e magari non ha occasioni per uscire la sera, il che fa venire un senso di frustrazione…
    …magari sono anni che esce solo con ragazze che terminano con l’estensione .jpg 🙂

  23. zanzaretta ha detto:

    Don’t feed Troll!
    Quante volte te lo devo dire?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...