.: Effetti climato-magnetici :.

Nel 2002 nasce l’Istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC),
dall’accorpamento, previsto nelle norme di riordino generale del CNR, di 4 entità
precedentemente esistenti. L’ISAC ha un organico di circa 130 ricercatori e tecnici
che afferiscono a 4 “Aree Tematiche” e una “Struttura Tecnica di Servizio”, le cui
attività riguardano la meteorologia dinamica, il clima e le sue variazioni, le
osservazioni della Terra e i processi atmosferici.
In particolare quest’ultima
sezione comprende settori di forte interesse per le problematiche del clima e
dell’ambiente quali la chimica dell’atmosfera, le nubi e le precipitazioni,
l’aerobiologia: attività di studio del materiale biologico aerodisperso in atmosfera
e negli ambienti confinati, immissione, trasporto e diffusione, interazione con
altro materiale particolato.
Viene gestita la rete di campionamento del materiale
biologico per i ministeri della Sanità e dell’Ambiente, la conservazione dei beni
artistici e culturali.
Per informazioni: isac.cnr.it

 

Ancora Campania
 

Io ne ho parlato abbastanza, per chi non avesse letto, ci sono i link nei post
dei giorni scorsi.
Al limite posso suggerire, come approfondimento,
questo intervento audio su Radio Onda d’Urto.
Oltre alle cose che scrivo e dico, ci sono un po’ di cose interessanti sull’argomento,
e che mi permetto di suggerire.
Prima di tutto, la
lucida analisi di Domdin
, che si affianca bene a
quella di Rapace.
Poi segnalo con piacere anche lo spunto di riflessione
di Fraba.
 

Infine, l’ottimo Gianfalco,
da sempre bravissimo vignettista, propone un bel

gesto per Napoli
, che raccolgo volentieri.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, documenti, napoli. Contrassegna il permalink.

78 risposte a .: Effetti climato-magnetici :.

  1. macca ha detto:

    Da te sempre cose interessanti.
    Spero che la situazione migliori, ma non vedo De Gennaro come una soluzione…
    Daniele

  2. rigirandola ha detto:

    in relazione alla prima parte del post…della serie… a buon intenditor poche parole…c’entrano qualcosa le non tanto occultate-per impossibilità s’intende- interelazioni familiari?..Puoi rispondere no?

  3. alex321 ha detto:

    No no, non voglio tirare in ballo la famiglia del presidente del consiglio 🙂
    Volevo solo segnalare le attività scientifiche dell’istituto.

  4. utente anonimo ha detto:

    Riguardo agli scontri, leggete questo articolo.

    Per seguire gli eventi in diretta, fate riferimento a questa discussione.

    Stasera vi sarà una fiaccolata, che partirà da piazza del gesù, alle 17.30. Sarà partecipata dai comitati campani e privati cittadini, ed avrà un risvolto nazionale: altre città d’Italia manifesteranno insieme a noi (mi vengono in mente Torino e Milano, al momento). Trovate tutte le informazioni qui.

    Fabio

  5. utente anonimo ha detto:

    Riguardo agli scontri, leggete questo articolo.

    Per seguire gli eventi in diretta, fate riferimento a questa discussione.

    Stasera vi sarà una fiaccolata, che partirà da piazza del gesù, alle 17.30. Sarà partecipata dai comitati campani e privati cittadini, ed avrà un risvolto nazionale: altre città d’Italia manifesteranno insieme a noi (mi vengono in mente Torino e Milano, al momento). Trovate tutte le informazioni qui.

    Fabio

  6. utente anonimo ha detto:

    Dimenticavo,

    per collegarmi alla vignetta di Gianfalco, vorrei che deste un’occhiata a questo volantino che stiamo distribuendo in giro e che distribuiremo anche stasera.

    Alex, se ti piace, lo link permanentemente da qualche parte? 🙂

    Fabio

  7. utente anonimo ha detto:

    Dimenticavo,

    per collegarmi alla vignetta di Gianfalco, vorrei che deste un’occhiata a questo volantino che stiamo distribuendo in giro e che distribuiremo anche stasera.

    Alex, se ti piace, lo link permanentemente da qualche parte? 🙂

    Fabio

  8. storie ha detto:

    scusate, secondo me il volantino ed i messaggi che porta sono assurdi…
    il cittadino???? non fa la differenziata???

    Sono l unica a restarne allibita?

  9. alex321 ha detto:

    No, non sei l’unica.
    Ma che ci vuoi fare…. 😦

  10. storie ha detto:

    ma quello che mi domando é: ma ci sono o ci fanno? e da che parte stanno? non hanno capito o fingono di non capire… è che mi fa incazzare…

  11. utente anonimo ha detto:

    Si può usare anche il diretto TU, a me, visto che l’ho scritto io il volantino.

    Nè ci sono, nè ci faccio. Ho detto solo la verità: il cittadino, se non può fare la differenziata perché non ha come farla, deve PRETENDERLA.

    Se questo messaggio non vi arriva, sturatevi le orecchie perché mi sa che il problema non è di chi lo annuncia, il messaggio, ma di chi lo riceve.

    La colpa è del cittadino, sì, perché s’adda scetà!

    E sì, a Napoli una gran parte delle persone se ne strafotte della raccolta differenziata. Con le persone dovete parlarci, non solo teorizzare.

    Indignatevi per le cose giuste.

    Fabio

  12. alex321 ha detto:

    No, non ti incazzare dai. Conosciamo bene quel gruppo, e sappiamo di cosa si tratta, no? 😉

  13. utente anonimo ha detto:

    Se mi si dice che ci sono o ci faccio senza spiegare nè perché nè percome, mi incazzo.

    La gente a Napoli s’adda scetà veramente! A manifestare siamo sempre pochissimi, gli altri se ne strafregano, o pensano di non poter far nulla.

    Il volantino serve a risvegliare la coscienza del singolo, a far “sentire in colpa” chi lo legge, a fargli rendere conto che, in quanto cittadino, ha non solo il diritto ma anche il DOVERE di agire per il suo stesso bene, puntando il dito contro chi fa di tutto per impedirgli di svolgere al meglio il proprio ruolo di cittadino, parte di una collettività.

    Mi incazzo quando si parla senza pensare, ah se mi incazzo!

    Fabio

  14. alex321 ha detto:

    Ti incazzi ed alzi i toni. E già questo può essere poco condivisibile, in uno
    spazio dove ti ospito con piacere.
    Mi conosci molto bene, e sai benissimo perchè non posso condividere quel volantino. A me preme la verità, e non le mosse per “far sentire in colpa”. Soprattutto non facendo arrivare messaggi sbagliati e assolutamente controproducenti.
    Pertanto, ora stai provocando, e non è mia intenzione raccogliere provocazioni, quindi non ci saranno ulteriori risposte da parte mia.
    Infine, poichè qui ti ospito sempre con piacere, ti invito caldamente a non abusare dell’ospitalità.
    Per alzare i toni ci sono milioni di forum sparsi in giro.
    Buona giornata.

  15. storie ha detto:

    mi dispiace, sono istintiva e forse ho contruibuito ad “alzare i toni”

    Non volevo attaccare, solo alle volte non capisco come non si riesca a vedere certe cose. Con questo non ho detto a nessuno che parla senza pensare.
    Io penso, ho visto, ho imparato come vanno le cose da quelle parti, e ho le mie opinioni che per carità potranno non essere condivisibili.

    Tuttavia, la famosa responsabilizzazione del cittadino che fa la differenziata mi suona un po fuori dai toni, non centra il problema, e favorisce forse una visione del cittadino napoletano che non condivido.

    Una cosa è dire ai cittadini svegliatevi, protestate e non accettate questo andamento delle cose, un altro è dire far “sentire in colpa” con quei toni e l’ottica rappresentata da quelle provocazioni.

    Se i sacchetti sono per strada non è per una responsabilità del cittadino che non sa, non fa la differenziata o altro… diciamoci la verità, su.
    Conosco tanti napoletani che sanno, si informano, non fanno la differnziata perchè non serve a niente se non c’è a monte un organizzazioen ad hoc.

    Questa è la mia opinione…o parte della mia opinione..

  16. alex321 ha detto:

    Non ti preoccupare Storie, e non ti dispiacere. Non è obbligatorio condividere quelle posizioni. E non sei affatto tenuta a motivare il perchè. O almeno, non su questo blog inutile. Non farti trascinare. Cerchiamo di non sviare.

  17. fraba ha detto:

    Ho la sensazione, leggendo il volantino che segnal la manifestazione, che questa protesta sia fondata sul voler ignorare i principali elementi alla base della gestione del ciclo dei rifiuti (”nessuna discarica, nessun termovalorizzatore”). Il problema non si risolve ne con degli artifici verbali ne con l’utopistica perfezione (differenziata porta a porta, riduzione degli imballaggi, etc.). Tali fattispecie possono essere poste come obbiettivi a tendere ma nel frattempo esiste un’emergenza alla quale far fronte. E l’emergenza si affronta obbligatoriamente con provvedimenti graduali, magari anche dolorosi e sicuramente imperfetti ma tendenzialmente orientati all’alleggerimento del problema.

    Alimentare la protesta con soluzioni al momento irrealizzabili è cosa da me assolutamente non condivisa ed anzi, come gli accadimenti c’insegnano, tali azioni possono diventare un facile alibi per chi è preposto dal proprio ruolo istituzionale a porre in essere scelte e decisioni anche impopolari.

    Di contro, ma non è una novità, condivido in pieno che chi in questi 15 anni ha governato e cavalcato le gestione dei rifiuti debba farsi da parte. E’ una questione di dignità, politica e sociale, che dovrebbe spingere chi ha gestito l’emergenza nei vari ambiti istituzionali preposti, ha rassegnare delle doverose e dovute dimissioni. Dimissioni fra l’altro, come precondizione necessaria per rendere credibile una nuova era.

  18. alex321 ha detto:

    Tra l’altro, solo con le dimissioni mostrerebbero un briciolo di dignità 🙂
    Ma forse non hanno neanche quel briciolo…

  19. utente anonimo ha detto:

    Punto primo, i toni non sono stato io ad alzarli, al massimo mi si può “incolpare” di non averli abbassati, ma non credo mi si possia biasimare, visto che mi si è chiesto “se ci sono o se ci faccio”, al che, senza remore, rispondo: pensa prima di parlare.

    Punto secondo, io a Napoli ci vivo, con la gente ci parlo, e so quel che dico perché lo vivo sulla mia pelle. Non è con immagini positive di Napoli che si risolve il problema, basta girare per le strade per rendersene conto: quello che viene gettato sono rifiuti differenziabili – plastica, cartoni, vetro, alluminio.

    La “gente” la raccolta differenziata non la fa, e non la fa per vari motivi. Uno dei motivi è che non esistono sufficienti cassonetti per la raccolta. Ma il principale è che la gente non è stata mai educata a farla, e neanche la vuole fare perché o se ne strafrega o è sfiduciata e pensa che tanto venga messa tutta in un sol posto.

    A Francesco rispondo che le utopie sono solo nella testa di chi le definisce tali, e perpretando questo “mantra” si finisce con fare dell’autolesionismo. Perché un’altra caratteristica del napoletano medio è che è tutto “utopico”, “ingestibile” , “emergenziale”. Pare che ogni soluzione proposta che non comprenda l’inceneritore sia irrealizzabile “perché siamo a Napoli, mica in Svizzera”.

    Questa è una mentalità dannosissima, deleteria, perché autoalimenta la situazione di sfacelo nella quale ci ritroviamo. Tutto quello che è stato proposto è realizzabile da domani, se non si fa è solamente perché manca la volontà prima politica, e quella dei cittadini che esprimono concetti come quelli di Fraba poi.

    Ad Alex domando quali siano le informazioni non veritiere che lui ritiene il volantino contenga, perché il sottoscritto ha l’unico scopo di diffondere la verità, ma ha capito che per farlo bisogna adottare un linguaggio che colpisca ed attiri l’attenzione. Era un esperimento, ed ha funzionato: non ho mai visto tante persone leggere un volantino double-face dall’inizio alla fine.

    Perciò ribadisco: se si hanno critiche, sono bene accette, purché siano argomentate. Non accetto nessuna illazione sul mio “esserci o farci”, e non accetto che poi ci si senta offesi se a tali illazioni io rispondo per le rime.

    Fabio

  20. storie ha detto:

    certo, l’emergenza rifiuti è causata dalla mancata raccolta differenziata e dai cittadini non informati…certo…certo…

    Amen

  21. alex321 ha detto:

    Storie: e dai… lo vedi o no che non ci sono margini di confronto? A che serve fare testa dura contro testa dura? Per favore, non scadiamo nella fuffa.

  22. utente anonimo ha detto:

    Dove ho parlato di “emergenza rifiuti”, nel volantino?

    Ho fatto una domanda: perché siamo ricolmi di immondizia per le strade?

    La risposta immediata, senza andare a scavare in ragioni politiche ed economiche che esulavano dallo scopo del volantino è: perché non c’è la raccolta differenziata. E’ una constatazione di fatto, chi non è d’accordo dovrebbe motivare il perché.

    L’ho già detto: fatevi un giro per le strade di napoli, osservate i cumuli di immondizia.

    Chi parla non è uno sprovveduto, il problema lo ho analizzato e sono giunto a delle conclusioni. Se si facesse da domani la raccolta dell’umido separatamente dal secco già si sarebbero risolti i problemi sanitari.

    Se si facesse da domani un’ordinanza per cui fosse vietato vendere monouso ed iperimballare le cose, i rifiuti sarebbero enormemente ridotti.

    Un’emergenza che dura da 14 anni non è un’emergenza e non va affrontata di fretta, ma con cognizione di causa, con la cognizione di chi questo problema lo studia da mesi o da anni. E non parlo di me, ma parlo di tutti quelli che come me ci stanno riflettendo e sono giunti a determinate conclusioni, inclusi medici e scienziati.

    Bollare tutto ciò come “utopico” significa solo, a parere di chi scrive, continuare a crogiolarsi nel problema ed a non trovarne una soluzione.

    Da qualche parte quest’immondizia che è ora per le strade bisogna ovviamente metterla – il problema è, e non ho visto nessuno di voi citare questo fatto, neanche Alex – che questi siti dove mettere la munnezza esistono ma non vogliono utilizzarli: preferiscono utilizzare cave dismesse, preferibilmente in mano alla camorra.

    Leggete cos’ha da dire lo stesso professore De’ Medici in proposito: qui.

    Certo, la situazione è ben più complessa da quella dipinta dal volantino. Ma è un volantino, non un trattato.

    Fabio

    PS: Alex, mi dispiace che tu dica che non ci sono i termini per il confronto, perché io sto elencando tutta una serie di fatti e considerazioni, alle quali, se si volesse un onesto confronto, si potrebbe rispondere, preferibilmente nei termini.

    La storia di De’ Medici la conoscevi? Se sì, perché non ne hai mai parlato?

  23. utente anonimo ha detto:

    Dove ho parlato di “emergenza rifiuti”, nel volantino?

    Ho fatto una domanda: perché siamo ricolmi di immondizia per le strade?

    La risposta immediata, senza andare a scavare in ragioni politiche ed economiche che esulavano dallo scopo del volantino è: perché non c’è la raccolta differenziata. E’ una constatazione di fatto, chi non è d’accordo dovrebbe motivare il perché.

    L’ho già detto: fatevi un giro per le strade di napoli, osservate i cumuli di immondizia.

    Chi parla non è uno sprovveduto, il problema lo ho analizzato e sono giunto a delle conclusioni. Se si facesse da domani la raccolta dell’umido separatamente dal secco già si sarebbero risolti i problemi sanitari.

    Se si facesse da domani un’ordinanza per cui fosse vietato vendere monouso ed iperimballare le cose, i rifiuti sarebbero enormemente ridotti.

    Un’emergenza che dura da 14 anni non è un’emergenza e non va affrontata di fretta, ma con cognizione di causa, con la cognizione di chi questo problema lo studia da mesi o da anni. E non parlo di me, ma parlo di tutti quelli che come me ci stanno riflettendo e sono giunti a determinate conclusioni, inclusi medici e scienziati.

    Bollare tutto ciò come “utopico” significa solo, a parere di chi scrive, continuare a crogiolarsi nel problema ed a non trovarne una soluzione.

    Da qualche parte quest’immondizia che è ora per le strade bisogna ovviamente metterla – il problema è, e non ho visto nessuno di voi citare questo fatto, neanche Alex – che questi siti dove mettere la munnezza esistono ma non vogliono utilizzarli: preferiscono utilizzare cave dismesse, preferibilmente in mano alla camorra.

    Leggete cos’ha da dire lo stesso professore De’ Medici in proposito: qui.

    Certo, la situazione è ben più complessa da quella dipinta dal volantino. Ma è un volantino, non un trattato.

    Fabio

    PS: Alex, mi dispiace che tu dica che non ci sono i termini per il confronto, perché io sto elencando tutta una serie di fatti e considerazioni, alle quali, se si volesse un onesto confronto, si potrebbe rispondere, preferibilmente nei termini.

    La storia di De’ Medici la conoscevi? Se sì, perché non ne hai mai parlato?

  24. alex321 ha detto:

    Evidentemente ti è sfuggito il dove e il quando ne ho parlato.

  25. ladolcetempesta ha detto:

    fuffa o non fuffa caro alex
    fabio alcune ragioni le dice
    napoli non e’ solo di chi tiene attaccato il culo su una poltrona
    e di tutti i napoletani che ci vivono
    e per arrivare a questi risultati c’e stato il contributo unanime di tutti polici in primo piano cittadini consenzienti in secondo

  26. ladolcetempesta ha detto:

    ma confesso di non aver letto il volantino che per problemi di pc non riesco ad’aprire

  27. utente anonimo ha detto:

    Giusto per far capire meglio ciò di cui sto parlando, vogliamo provare ad analizzare quest’immagine?

    clicca qui.

    Storie, cosa vedi in quella foto?

    Fabio

  28. utente anonimo ha detto:

    Giusto per far capire meglio ciò di cui sto parlando, vogliamo provare ad analizzare quest’immagine?

    clicca qui.

    Storie, cosa vedi in quella foto?

    Fabio

  29. utente anonimo ha detto:

    Alex,

    ti seguo praticamente ogni giorno, se mi è sfuggito dove e quando ne hai parlato me ne scuso. Puoi darmi un link?

    Fabio

  30. alex321 ha detto:

    Fabio, ne ho scritto sul Corriere della Sera l’estate scorsa. Se trovo il PDF su questo hard disk sgarrupato, te lo mando per mail.

  31. fraba ha detto:

    Sul fatto che io sia autolesionista, non ci piove. Se così non fosse, non cercherei di capire le cose approfondendo i fatti e soprattutto le persone.

    Mio caro Fabio, personalmente non credo di “perpetrare” nessun “mantra” ne tantomeno ho la presunzione di essere in possesso del “verbo assoluto” o dell’infallibilità. Di contro mi sforzo di misurarmi con la realtà delle cose che nella fattispecie, sono innegabilmente tragiche, e mi sforzo di confrontarmi anche con chi ha idee differenti dalle mie. Tu ti fai portatore di proposte a tuo dire “realizzabili da domani”. Scientificamente non ho la capacità di contraddirti ma lasciandomi guidare dal mio istinto trovo la forza per dissentire. E’ tuo dovere, tenuto conto della tua matrice umana senza dubbio democratica, accettare serenamente questo mio dissenso astenendoti nel contempo dall’accusare il sottoscritto di “mancanza di volontà” nel voler cambiare le cose.

    Nello specifico poi: applicare il modello di raccolta differenziata “spinta” presuppone un senso civico della popolazione che ad oggi non esiste e che non si può supporre di diffondere in sei mesi. Non solo. Nolente o dolente parte di questa raccolta deve essere smaltita in qualche modo. Non ho infatti cognizione di una “differenziata” che ricicli tutto al 100%. I termovalorizzatori non saranno la soluzione ideale ma sono sempre meglio delle discariche (abusive e non) dove da anni s’inzeppa indiscriminatamente il “talquale” insieme ad altro che puntualmente, di fronte al “sacchetto”, passa in secondìordine. Qualsivoglia processo di ridefinizione del packaging richiederebbe anni per la sua realizzazione ed un notevole aggravio dei costi di produzione che ricadrebbero inevitabilmente sul consumatore finale (e su questo parlo con piena cognizione di causa).

    Chiudo affermando “solennemente” che si, io mi sento un “napoletano medio” e che questa tua affermazione non mi offende affatto. Almeno su questo, abbiamo un’identità di vedute.

  32. lorypersempre ha detto:

    Alex, passeresti dalle mie parti e mi togli la curiosità?
    Merssì boccù M;)
    Leela

  33. storie ha detto:

    standing ovation per Fraba

  34. utente anonimo ha detto:

    Reiterando la richiesta a Storie di commentare ciò che vede nell’immagine che ho linkato – se vogliamo intavolare un confronto nel merito delle mie affermazioni – rispondo a Fraba.

    Francesco, mi sfugge il nesso tra l’autolesionismo ed il voler approfondire le questioni. Io approfondisco le questioni e non mi sento affatto autolesionista, perché non mi faccio del male.

    E’ autolesionista pensare che certe cose non si possano fare. Se tu stesso dici che non hai argomentazioni scientifiche e tecniche per ribattere le mie affermazioni, non ha senso spostare il discorso su un piano di “sensazioni”, perché le sensazioni possono mentire, come nel tuo caso.

    A meno che dal dire “questa è Napoli, non è la Svizzera” non si voglia passare a dire “questa è Napoli, non è la Cina”.

    Gli inceneritori, Fraba, sono del tutto inutili. E non risolvono il problema delle discariche. Per cui non mi si dica “meglio di una discarica”, perché non è vero.

    Certo, meglio di una discarica “tal quale”, ma le discariche “tal quale” non sono una necessità, se non si usa l’inceneritore. Mai sentito parlare di Trattamento Meccanico Biologico?

    Fabio

  35. utente anonimo ha detto:

    Reiterando la richiesta a Storie di commentare ciò che vede nell’immagine che ho linkato – se vogliamo intavolare un confronto nel merito delle mie affermazioni – rispondo a Fraba.

    Francesco, mi sfugge il nesso tra l’autolesionismo ed il voler approfondire le questioni. Io approfondisco le questioni e non mi sento affatto autolesionista, perché non mi faccio del male.

    E’ autolesionista pensare che certe cose non si possano fare. Se tu stesso dici che non hai argomentazioni scientifiche e tecniche per ribattere le mie affermazioni, non ha senso spostare il discorso su un piano di “sensazioni”, perché le sensazioni possono mentire, come nel tuo caso.

    A meno che dal dire “questa è Napoli, non è la Svizzera” non si voglia passare a dire “questa è Napoli, non è la Cina”.

    Gli inceneritori, Fraba, sono del tutto inutili. E non risolvono il problema delle discariche. Per cui non mi si dica “meglio di una discarica”, perché non è vero.

    Certo, meglio di una discarica “tal quale”, ma le discariche “tal quale” non sono una necessità, se non si usa l’inceneritore. Mai sentito parlare di Trattamento Meccanico Biologico?

    Fabio

  36. alex321 ha detto:

    Aggiungo che le discariche di tal quale, stando alle direttive europee, sono anche illegali.

  37. elisewinfox ha detto:

    @Alex: “Tra l’altro, solo con le dimissioni mostrerebbero un briciolo di dignità :)”
    Già… ma non se ne vogliono andareeeeee….. 😦

    Condivido anche io il punto di vista dell’ultimo intervento di Fraba e di Storie.
    La raccolta differenziata, al momento è solo una piccola parte del problema, inoltre per educare un cittadino non basta un volantino che faccia riflettere (?), bisogna partire con l’educazione nelle scuole, partire dai ragazzini.

  38. alex321 ha detto:

    Ma non solo, Elisewinfox.
    Con una raccolta differenziata *perfetta*, che non lascia nulla a valle, si risolve solo il 25% dei rifiuti…
    Appena un quarto.

  39. utente anonimo ha detto:

    Alex, è falso ciò che hai scritto.

    Solo considerando l’umido, otterresti una riduzione del 40% dei rifiuti.

    Già solo raccogliendo l’umido separatamente dal secco, quindi, avresti risolto gran parte dei problemi.

    Vi sono paesi anche in campania che “smaltiscono” così il 70% dei loro rifiuti. Altro che 25%!

    E comunque, non è con questo che si risolve, non è con quell’altro… signori, scusate, ma voi come lo risolvereste il problema?

    Fabio

  40. alex321 ha detto:

    Fabio, non è falso quel che ho scritto.
    Leggiti il rapporto APAT.
    Non fare il conto fasullo, quelle percentuali che indichi, sono rispetto agli RSU, non rispetto al totale dei rifiuti.
    Non imbrogliare sui dati.

  41. alex321 ha detto:

    Si ma… ti invito per la seconda volta di non abusare dello spazio su cui ti ospito. Le comunicazioni di servizio falle su spazi tuoi. Questo non è un forum di servizio nè per te nè per altri. Al limite lo è per me.
    Grazie.

  42. utente anonimo ha detto:

    Non imbroglio sui dati, Alex. Di quali Rifiuti Solidi Urbani stiamo parlando? Di quelli visibili vicino ai nostri cassonetti?

    Riguarda la foto e dimmi se solo il 25% di quello che vedi è differenziabile.

    Fabio

  43. alex321 ha detto:

    Oh santo cielo, Fabio! Sto parlando dei rifiuti totali! Ma sei duro di testa, oggi? 😛
    E lo sai bene. Quel che vogliono farci credere è proprio che il problema siano gli RSU!
    Gli RSU sono meno del 25% dei rifiuti totali. Sono 32,7 milioni di tonnellate in tutta Italia. I rifiuti totali sono 141 milioni di tonnellate!
    E sveglia, su 😀
    Non cascare proprio tu nella trappola che ci dettano dall’alto!

  44. utente anonimo ha detto:

    Da quello che posso leggere anche tu caro Alex hai avuto modo di conoscere Fabio … io ho avuto modo di discutere con lui nel forum di Inambiente e anche in quel caso non si è riusciti a discutere normalmente…vabbè cambiamo discorso, il dott. Sferratore ti ringrazia vivamente per l’articolo che hai pubblicato su altrenotizie.org …come ben sai non tutti i campani sono uguali 🙂
    Un saluto Edoardo

  45. utente anonimo ha detto:

    seguo da stamane la vostra discussione…credo vi siano persone che sottovalutino il problema o cmq tentano di minimizzarlo…nessuno ha ragione e nessuno ha torto…dissociamoci dai vandali e impegnamoci tutti per migliorare…ognuno nel proprio piccolo faccia la sua parte senza puntare il dito…chi è senza peccato scagli la prima pietra…anna

  46. utente anonimo ha detto:

    No, qui non si tratta di minimizzazione… ho l’impressione che Fabio abbia una visione limitata ai soli rifiuti solidi urbani…

    V.

  47. neradalia ha detto:

    Il file audio, purtroppo, sono riuscito a scaricarlo solo per metà. Peccato, era un piacere ascoltarti.
    Nel frattempo, una domanda: ma questo sito che fine farà?

  48. neradalia ha detto:

    Il file audio, purtroppo, sono riuscito a scaricarlo solo per metà. Peccato, era un piacere ascoltarti.
    Nel frattempo, una domanda: ma questo sito che fine farà?

  49. utente anonimo ha detto:

    Non so nulla sulle percentuali sui rifiuti.
    Tuttavia chiedo ad Alex una cosa ed esprimo un parere :
    1) Che ne pensi del lavoro dell’Assise sulla città di Napoli ?
    2) L’invito a fare raccolta differenziata mi sembra giusto. Faccio quest’esempio : da noi a Calata Capodichino ci sono i contenitori della plastica, del vetro, della carta.
    Alcuni mettono il vetro nei contenitori del vetro etc.
    Altri (la stragrande maggioranza e soprattutto i negozi con i cartoni) se ne strafottono.
    Per cui un invito ai cittadini sarebbe doveroso.

    Pensatoio

  50. alex321 ha detto:

    Ehilà Pensatoio! Ciao 🙂
    Ovvio che l’invito è doveroso. Il problema è che non è risolutivo. Se hai voglia, e naturalmente tempo, leggi il mio post del 10 luglio scorso 😉
    Sempre un piacere leggerti qui.

  51. maredidirac ha detto:

    Buondì, mi intrometto brevemente a proposito dei rifiuti solidi urbani (perchè il problema di tutti gli altri tipi di rifiuti sarebbe da trattare a parte).
    Al commento 34 Fabio chiede come risolveremmo il problema: personalmente cerco di comprare meno e di scegliere prodotti con poco imballaggio. Ma in un mondo in cui consumare è la vita per altri, tale possibilità non è molto apprezzata.
    Un abbraccio al capo, ci sono e ti leggo sempre.

  52. alex321 ha detto:

    Apprezzata o meno… è l’unica da percorrere.
    L’alternativa sono gli imballaggi riusabili.
    Per cominciare, sarebbe bene non comprare prodotti usa e getta 😉

  53. storie ha detto:

    io invece ho tante perplessità sulla differenziata oggi come oggi e a queste condizioni di sistemi produzione e distribuzione.

    Il discorso che la soluzione del problema rifiuti, in generale e per tutti, è quello di produrne meno, differenziare, riciclare mi sta bene, ma non è una risposta operativa efficace dell’oggi.

    Se io faccio la differenziata ma l inceneritore, ops termovalorizzatore, della mia città poi brucia tutto a che serve?

    Inutle sentirsi intelligenti e consapevoli per il fatto di fare dei gesti che poi vengono vanificati dal sistema.

    Si capisce?

  54. maredidirac ha detto:

    Per esempio, quest’anno volevo provare a coltivare sul balcone una pianta di pomodori e dell’insalata (cibi che consumo voracemente in estate). Per concimarli volevo anche prendere una mini compostiera in cui mettere il mio organico.

    Poi sarebbe bello avere una tariffa per i nostri rifiuti invece che una tassa…

    I prodotto usa e getta sono quanto di più abominevole dal punto di vista non solo entropico, ma anche del buon senso: io giuro non riesco più a comprare i fazzoletti di carta. Sento una vocina dentro (sono matta ma, tranquilli, lo so) che mi dice:
    “Non comprarli, hai quelli di stoffa che puoi usare e riusare 1000 volte e alla fine, quando sono tutti lisi, li potrai usare come stracci!”
    Allora allontano la mano dal pacchettone.
    Poi ce ne sta un’altra che mi dice “Brava! E i dipendenti delle fabbriche di fazzoletti di carta? Se tutti smettessero di comprarli quei poveracci come farebbero a vivere?”.
    La mia personale risposta è: “Potrebbero mettersi a fare i fazzoletti di stoffa!”
    ”Sì, ma chi li comprerebbe? Sono troppo costosi e poi i cinesi li farebbero a prezzi stracciati e saremmo punto a capo!”
    ”Certo, sono costosi, ma durano più a lungo!”
    E via di questo passo, ogni volta è così! Che fatica! Però alla fine i fazzoletti di carta non li ho più presi e non mi mancano.
    😉

  55. utente anonimo ha detto:

    Alex, la “comunicazione di servizio” era relativa alla questione di cui stiamo discutendo, mi pare. Tua prerogativa cancellare post informativi, però non mi sembra la mossa migliore da fare, come non mi sembra la mossa migliore da fare quella di dire che mi sbaglio senza dire esattamente nè perché, nè percome.

    La foto l’avrete vista tutti, immagino: l’emergenza – se di emergenza vogliamo parlare – è quella. Che poi dietro ci sia tutta una serie di cose di cui discutere, analizzare, approfondire, è ovvio. Ma il discorso è partito dal volantino, inutile portarlo su altri lidi e gradirei che si rispondesse nei termini dei miei commenti, obiezioni e note.

    Il pompiere che ha commentato che con me non si può discutere, può magari scambiare due parole con domdin e chiedergli se la pensa allo stesso modo.

    Grazie.

    Fabio

  56. utente anonimo ha detto:

    Per quanto riguarda RSU verso rifiuti totali… Alex, nel CDR non ci vanno i “rifiuti totali”, nè – in teoria – negli inceneritori usati per gli RSU – quali dovrebbero essere quello di Acerra e gli altri programmati.

    L’emergenza, ribadisco, è causata e percepita a causa dei rifiuti per strada, e su quelli hanno diretto potere i cittadini. Vi prego, per puro esercizio intellettuale, provate ad analizzare cosa vedete nella foto che ho linkato su. Poi ne riparliamo, perché altrimenti diventa uno scontro inutile.

    Fabio

  57. alex321 ha detto:

    Va be’… sei in trappola anche tu allora. Ci sei cascato in pieno…

  58. utente anonimo ha detto:

    E tu continui a fare la sibilla cumana.

    Non mi stai piacendo, Alex. Per nulla. Questo sarà pure il tuo blog, ma a ti stai sottraendo ad un confronto onesto e corretto. Mi spiace, perché combattiamo la “stessa battaglia”.

    Due sono le ipotesi: o ti scocci di argomentare, o proprio non hai alcun interesse a farlo. In entrambi i casi, mi spiace di aver perso solo tempo.

    Fabio

  59. utente anonimo ha detto:

    Essere pompiere in questi giorni mi riempirebbe di orgoglio…ma non lo sono. Mi dispiace ma mi hai confuso con qualche altra persona con cui hai avuto una delle tue tante sterili discussioni, nei tanti forum in cui arrechi disturbo!

  60. alex321 ha detto:

    In questi giorni ti leggo emotivamente un po’ alterato 🙂
    Cmq la risposta giusta è la seconda che hai detto: non ho alcun interesse a farlo. Non sono disposto a farmi sviare.
    Poi, se non ti sto piacendo non è un problema. Ho detto milioni di volte che non pretendo che le persone siano d’accordo con me. Questo è un blog, e vi esprimo solo dei personalissimi pareri (miei).
    Soprattutto, non obbligo nessuno a leggere. La rete è grande, e di cose da leggere ce ne sono.

  61. alex321 ha detto:

    E la battaglia non è la stessa.
    Se non te ne sei accorto, allora non è vero che hai il polso della situazione.
    Cmq, se vuoi chiarirti, basta che mi scrivi, la mia mail ce l’hai.

  62. utente anonimo ha detto:

    x Storie
    ribadisco che non ci capisco molto.
    Quelle poche cose che azzecco sono dovute al libro di un certo Iacuelli che ho sulla scrivania…
    Ma credo che se si fa la differenziata, l’inceneritore ne brucerà di meno. A quel che so, in Germania si sono fatti molti inceneritori che adesso sono sottoutilizzati perchè fanno più differenziata (per far lavorare gli inceneritori i tedeschi bruciano ad es. la monnezza italiana ogni tanto per fare un po’ di soldi e un po’ di energia)
    Alex correggimi se sbaglio…

  63. alex321 ha detto:

    Eh.. ma qua non è la Germania..
    A Brescia la differenziata è stata usata per incenerire tutto…
    Il punto da esplorare non è la differenziata in sè, che è solo un metodo di raccolta, ma l’effettivo smaltimento a valle della raccolta.

  64. domdin ha detto:

    Grazie per la citazione Alex, sono sempre felice di finire nei tuoi post!!!

    Voglio solo aggiungere la mia (piccola considerazione) alle argomentazioni sul volantino e su Fabio. Sinceramente, sul fatto che noi napoletani abbiamo delle colpe, sono abbastanza daccordo, l’ho detto anche in un mio ironico post, ma certamente non siamo noi cittadini ad aver alimentato il disastro. Al più abbiamo la colpa di aver sopportato troppo e tollerato per troppo tempo.

    Per quanto riguarda Fabio, io ho imparato a conoscerlo proprio grazie ad una discussione accesa come questa. Non credo gli serva un difensore, ma ho capito che lui nelle cose ci mette davvero l’anima ed il cuore. Forse si fa coinvolgere troppo dalle argomentazioni, ma credo sia una delle persone più attive sul fronte della protesta “pacifica”!!!

  65. domdin ha detto:

    Grazie per la citazione Alex, sono sempre felice di finire nei tuoi post!!!

    Voglio solo aggiungere la mia (piccola considerazione) alle argomentazioni sul volantino e su Fabio. Sinceramente, sul fatto che noi napoletani abbiamo delle colpe, sono abbastanza daccordo, l’ho detto anche in un mio ironico post, ma certamente non siamo noi cittadini ad aver alimentato il disastro. Al più abbiamo la colpa di aver sopportato troppo e tollerato per troppo tempo.

    Per quanto riguarda Fabio, io ho imparato a conoscerlo proprio grazie ad una discussione accesa come questa. Non credo gli serva un difensore, ma ho capito che lui nelle cose ci mette davvero l’anima ed il cuore. Forse si fa coinvolgere troppo dalle argomentazioni, ma credo sia una delle persone più attive sul fronte della protesta “pacifica”!!!

  66. cazachistan ha detto:

    Buongiorno a voi, intervengo e spero di non essere invadente, di non suscitare le antipatie ed il fastidio di nessuno. Intervengo in merito alla discussione personale intercorsa tra alex e fabio. Vi sembrerà strano, ma stamane mi sono svegliata con questo pensiero in testa! Mi direte, beh non hai un c… da fare, ma no,non è così, ve lo assicuro ed ora vi spiego. La situazione è questa: vi conosco entrambi personalmete, ma non in modo approfondito.Sono chiara subito rispetto alla mia identità, per il momento non mi presento perchè ritengo che questa cosa possa essere fuorviante. Vi conosco entrambi, mi sento piu’ affine ad alex per una questione legata all’identità culturale, ad i valori acquisiti e scelti ed alle esperienze acquisite, tuttavia ritengo che Fabio non sia proprio una persona in cattiva fede, penso pero’ che il suo modo di interpretare la realtà possa essere pericoloso poichè, accettando l’assunto che il politico è quotidiano, dovremmo renderci conto ed imparare sempre dalle nostre azioni, nel suo modo di muoversi e nei messaggi che invia alla popolazione peccha di ingenuità, ma anche-e questo è il difetto-di un po’ di presunzione. Credo che dovrebbe imparare ad ascoltare ed a cogliere i segni-anche quelli non espliciti-, che le persone gli inviano. Credo che Alex, da questo punto di vista- abbia tanto da insegnargli. Entrando nel merito della questione, vorrei far notare a fabio che la situazione”monnezza campana” è il risultato di fitte, intrecciate collusioni tra potere legale e illegale, i campani pagano sulla loro pelle le conseguenze di scelte basate su interessi personali, privatistici e non pubblici; se il napoletano ha una colpa, questa è legata al suo modo di essere ed alla mancanza di un senso civico e questa caratterialità è pane per i denti di gente senza scrupoli. Passando il messaggio che la colpa è del napoletano, si rischia di fare il gioco, ancora una volta, degli interessi delle lobbie. Chiaramente quanto cerco di dirti, non ha piu’ valore per quel manifestino, che già sarà stato distribuito, ma spero che possa servire a fabio come riflessione affinchè compia un passo di crescita.
    Alex è una persona, a mio avviso, che sa essere irruenta-quando lo ritiene opportuno- e forse con te avrà ritenuto di esserlo poichè mi sembra anche che si esponga sempre e molto anche rischiando sulla sua pelle. Immagino, quindi, quanto gli bruci constatare che, le persone che dovrebbero combattere per la sua stessa lotta, facciano, inconsapevolmemte, s’intende, il gioco degli affaristi.
    Scusate il tono un po’ materno di questo post, ma che volete da me… lo riconosco come mio difetto…
    Un caro saluto ad entrambi.

  67. cazachistan ha detto:

    ma qua nessun me se fila?
    😦

  68. utente anonimo ha detto:

    Cara cazachistan grazie di esistere!!!

  69. alex321 ha detto:

    Ahhh, allora siete una combriccola! 🙂

  70. cazachistan ha detto:

    e poi, mi fa piacere di essere stata utile a qualcuno…, veramente tanto piacere-era il mio desiderio-

  71. alex321 ha detto:

    Beh, allora adesso puoi dirlo, chi sei 🙂

  72. cazachistan ha detto:

    qui si gioca al gatto e il topo…
    😛
    non te lo dico e poi forse non sai neanche chi sono…dubito che ti possa ricordare

  73. alex321 ha detto:

    Naaaa, sei fuori strada.

  74. alex321 ha detto:

    Se poi è un fuoristrada non so 🙂
    Di solito i SUV stanno alla larga da qui.

  75. cazachistan ha detto:

    va bene..ora la smetto. Altrimenti mi incarto e poi rischio che il gestore del blog si arrabbia con me..e non lo voglio. Non merita di arrabbiarsi.
    Comm è bella a muntagna stanotte…
    tolgo il disturbo..
    😛

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...