.: Lavoro ed abitazione :.

Già, lavoro ed abitazione, cioè in pratica il 90% del nostro
tempo…
Partiamo dal lavoro.
 

Progetto Twinnign, esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici
 

La Direttiva del Consiglio della Comunità Europea numero 40/2004/EC riguarda le
“prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei
lavoratori ai rischi derivanti dai campi elettromagnetici” che tutti gli stati
membri dovranno recepire entro il 30 Aprile 2008.
Riguarda “i rischi per la salute e la sicurezza dei lavoratori dovuti agli
effetti nocivi a breve termine conosciuti,
nel corpo umano derivanti dalla circolazione di correnti indotte e dall’assorbimento
di energia, nonché da correnti di contatto”. Rappresenta un’importante occasione di
riflessione per i Paesi membri e in via di adesione sulle metodologie e procedure
nazionali per la valutazione dell’esposizione dei lavoratori ai campi
elettromagnetici e un’opportunità per rafforzare il proprio sistema di monitoraggio
sia dal punto di vista strumentale che dell’iter autorizzativo.

Il 1 Maggio 2004, lo
All’interno di questo contesto si colloca il progetto “Twinning”: un
gemellaggio Italia – Polonia sul tema “Strengthening of State supervision and monitoring
system of exposure to electromagnetic fields”. Il progetto mira
a rafforzare il sistema di monitoraggio dell’esposizione dei lavoratori ai campi
elettromagnetici adeguando la strumentazione e le procedure di misura alle richieste
della 40/2004/EC e ammodernando nel contempo il database delle sorgenti di campo
elettromagnetico e dell’esposizione negli ambienti di lavoro.
 

Per approfondire:
Arpa Toscana
.
 

Passiamo alle abitazioni.
 

Un milione di condomini efficienti in Italia. Utopia, o cosa possibile?
 

Una nuova ricerca WWF, realizzata da Politecnico di Milano e Università
dell’Insubria per la campagna “GenerAzione Clima 2007 – Un milione di condomini
efficienti” e pubblicata in un dossier dal quotidiano “Il Sole 24 Ore”, rivela cosa
impedisce agli italiani di scegliere efficienza energetica e tecnologie in grado di
utilizzare fonti rinnovabili per le loro case: disinformazione, inerzia, pigrizia,
troppe regole poco rispettate e una burocrazia faticosa
.
Non male, come risultato 🙂
In un Paese dove
l’attenzione ai consumi delle auto fa parte delle pratiche quotidiane, si vive
ancora in case e palazzi che assomigliano a vecchie carcasse inquinanti e rumorose,
consumano e sprecano energia, sono nemiche dell’aria pulita e del clima.
E dire che… il settore
civile impiega circa un terzo dell’energia consumata in Italia ed è altrettanto
responsabile in termini di emissioni di CO2.
Una consistente porzione delle case
italiane ha più di 50 anni, ma a partire dagli anni ’80 il recupero edilizio attrae
il 60% degli investimenti nell’intero comparto e di efficienza energetica non vi è
quasi traccia
. Ma il potenziale di risparmio energetico nei condomini italiani è
attivabile a costo zero, anzi spesso a costo negativo.
Il nostro Paese è in perenne deficit energetico, e di questo ne ho scritto fin troppo
sia qui sia su Altrenotizie, il
cittadino paga bollette sempre più care e il pianeta è minacciato dal caos
climatico. L’Italia rispetto al 1990 ha aumentato le emissioni del 13% circa, a
fronte di un obiettivo di riduzione (ratificato con l’adesione al Protocollo di
Kyoto) del 6,5% da raggiungere nel periodo 2008-2012.
 

Per approfondire: WWF Italia

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, madeinitaly, salute. Contrassegna il permalink.

10 risposte a .: Lavoro ed abitazione :.

  1. storie ha detto:

    disinformazione, inerzia, prigrizia ecc… se è questo il problema, io dico che sarebbe facile risolverlo…

  2. utente anonimo ha detto:

    Ciao, ripreso dalla para-influenza?

    Mi puoi spiegare perchè quando visito il tuo blog mi rimane nella ricerca di google un indirizzo di Palermo……..

    Saluti
    Gianluca

  3. alex321 ha detto:

    ehm… scusa non ho capito questo fatto dell’indirizzo di Palermo… mi puoi dare qualche particolare?

  4. Batsceba ha detto:

    sarebbe così semplice
    già
    ma dovremmo prima eliminare un po’ di pattumiera 😉
    peace and love

  5. utente anonimo ha detto:

    Quando visito il tuo blog mi compare nello spazio del motore di ricerca di google un indirizzo di Palermo, via serradifalco 2……….anche per il passato quando hai trattato di storie del casertano mi capitava con la provincia di Caserta………
    Boh, avrai qualche hacker che ti corteggia a Palermo

    Ciao
    Gianpla

  6. alex321 ha detto:

    No no:)
    E’ che in uno dei miei post recenti, è inclusa una mappa di google, centrata su via serradifalco 2 a Palermo 🙂
    Evidentemente viene letta automaticamente dalla google bar 🙂
    Anche per Caserta, inclusi nel post una mappa di google 🙂

  7. IoAnecoico ha detto:

    molto interessante la news ripresa da WWF!
    ebbravo alex 😉

    anecòico

  8. sibillacumina ha detto:

    ho capito adesso come impostare la pagina principale legata al nick…che frana!un abbraccio grande e a presto

  9. Anyanka ha detto:

    In realtà più che disinformazione, pigrizia e quant’altro, quando parlo con la gente (in generale), noto un grande menefreghismo. Basterebbe fare una specie di statistica in rete, e noteresti, forse (in rete la gente mente… se no, il mondo sarebbe migliore), che di utilizzare meno la macchina o di interessarsi a fonti rinnovabili nessuno ci pensa. Poi, se ci mettiamo che i palazzi sono quelli che sono, e che un inquilino qualsiasi (come nel mio caso) difficilmente ha la meglio contro altri 19, che di spendere cinque euro in più manco ci pensano. Insomma, alla lunga più che disinformazione, c’è disinteresse. Finchè non toccano le tasche, nessuno si muove, e anche se le toccano, nel caso delle bollette, non si fa nulla perchè si tira a campare. Noi rispecchiamo lo stato. Io la vedo così. Pontifico troppo, non me lo ricordare… sono giorni di pioggia, lascia stare! 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...