.: E proviamoci :.

E proviamoci davvero, a rimetterci in moto. Nei limiti del possibile.
 

Per quanto riguarda
l’evento di Villaricca
del 20 luglio scorso, dove ho presentato il libro, non sono
in grado di parlarne, nè di mettere in ordine i ricordi. Fortunatamente, la serata
è descritta bene da
Edoardo Farina (presente in platea) e
Domdin (uno dei relatori).
Un resoconto giornalistico ben documentato lo si trova su
InterNapoli.it.
 

Cronaca dall’Esterno
 

Telecom taglia la linea a Vira
Dopo il caso Elitel, Telecom Italia decide di tagliare le linee per
insolvenza anche al provider Intratec/Vira, dal 2 agosto.
Fonte:
ZeusNews
.
 

USA, hacker rispedito in Germania
Un ricercatore di sicurezza rimane imbrigliato nelle severe procedure
frontaliere americane. Era diretto alla conferenza Black Hat di quest’anno.
Fonte:
Punto Informatico
.
 

Cronaca dall’Interno
 

Il tentativo odierno di rimettermi in moto è miserevolmente fallito.
Chi attende il seguito della storia del nucleare civile non demorda. Ci sarà.
Faccio scorta di caffè.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in notizie, stress, vie dei rifiuti. Contrassegna il permalink.

18 risposte a .: E proviamoci :.

  1. storie ha detto:

    …a me non sembra fallito. Cerca di dosare bene quel “rimettersi in moto”: quel tanto che basta per tenere la testa impeganta, ma non tanto da stressarsi.

    Insomma, c’è da essere felinissimi.

    Metti argo in lista nerissima! :))

  2. santamargherita ha detto:

    Dai ALEX non mollare, cerca piu’ che puoi di distrarti, di tenerti occupato. Ti abbraccio forte, Un bacio

    Meg

  3. alex321 ha detto:

    Ma io metto il mondo intero in lista… 😦
    Uff non so dosare.

  4. lorypersempre ha detto:

    Ma no, che non è fallito. E’ solo una salita più ripida ancora di quelle a cui sei abituato.
    Ma si, che ce la farai.
    Leela

  5. evdea ha detto:

    Sempre detto che in blu stai bene!

  6. utente anonimo ha detto:

    Alessà,
    dal blog non ho ben capito cosa è successo, ma ho capito che la cosa ti ha sconvolto. Per quello che ti può servire, ti esprimo tutta la mia solidarietà ed il mio affetto.
    Fatti sentire via e-mail se ti va di passare una serata in quel di salerno o nella valle dell’irno (ci sono interessanti sagre il prossimo fine settimana).
    saluti e abbracci libertari
    enzo v

  7. elisewinfox ha detto:

    piccoli, piccolissimi passi alla volta e ci si ritrova in cima senza sapere come… e considera che con tutta la gente che hai dietro, se pure dovessi scivolare, hai persone pronte ad aiutarti ad alzarti per continuare a salire insieme.
    Senza stess Alex, ma solo con i TUO tempo 😉

  8. elenaalf ha detto:

    Ti ho conosciuto per i simpatici commenti nel blog di Mªluisa(elisewin)..complimenti per il tuo bel modo di scrivere e tanti saluti da Barcellona

  9. mata63 ha detto:

    The show must go on. ( anche senza luccichini! )
    Un bacio M.

  10. utente anonimo ha detto:

    Bentornato.

    Emanuele

  11. keroppa ha detto:

    Be’… venerdì 20 è andata proprio bene, e ne ho le prove! 😉

    (un po’ sovraesposte, ma va be’)

  12. annadellaporta ha detto:

    infatti!
    Oggi sto post non so come lo vedo ma … lasciamo stare.
    Riprenditi Alex!

    ciao!

  13. fraba ha detto:

    one steep…
    🙂

  14. utente anonimo ha detto:

    Bentornato!!

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

  15. Blixxxa ha detto:

    non è mai facile riprendere quota, dopo essere precipitati in basso, che siaa causa dell motore in avaria o di una turbolenza esterna.
    è giusto abbandonarsi al dolore. è fisiologico, ecco.
    per quanto possa essere difficile, la risalita (faticosa, impervia, da stringere mani e denti) avverrà.

    ‘volano gli uccelli volano
    nello spazio tra le nuvole
    con le regole assegnate
    a questo spazio di universo
    al nostro sistema solare…’

  16. AngyBi ha detto:

    Rimettersi in moto? E perchè? Per ora sarebbe abbastanza riuscire ad andare in bici….
    E mi sembra che tu lo stia facendo egregiamente.
    😉

  17. utente anonimo ha detto:

    Alex,

    ho scritto un commento al post bel blog di Domdin, che riporto di seguito. Chiedo conferma della correttezza della mia interpretazione.

    Ho avuto modo più volte di condividere pensieri e parole con Alessandro, quindi mi suona strano il suo “sì” agli inceneritori “purché di piccole dimensioni”: stante il fatto che la sua, come la mia e di vari scienziati, medici, chimici e via discorrendo, opinione è incenerire equivale ad aumentare il volume di rifiuti da smaltire ed aumentare i costi di smaltimento, mi par più verosimile che il suo “sì” sia stato piuttosto un “è accettabile nel breve termine”.

    Ma alla presentazione non c’ero, e me ne rammarico, anche perché mi sarebbe piaciuto intervenire sia su questa questione degli inceneritori che sulla questione dell’idrogeno: un’altra grande bufala.

    Fabio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...