.: Scorcio (piccolo) sull’emergenza campana :.

Oggi a Roma si respira solo se muniti di bombole d’ossigeno. Sarà
dura, arrivare a stasera in apnea.
 

Ad alcune domande, non fatte e pensate da me, sia chiaro, risponde
il dottor Antonio Senni, commissario del consorzio di bacino
Napoli 4 per la raccolta e smaltimento rifiuti. La sede delle domande
e risposte è di tipo parlamentare, procedura informativa (quindi non
un’inchiesta).
Non voglio fare commenti, preferisco li facciate voi lettori, ma il quadro
che emerge è tragico, indegno di un Paese civile. Sarebbe
persino poco credibile, se non sapessi in prima persona che è tutto vero.

 

Senni: Sono commissario del consorzio di bacino
Napoli 4 e gestisco quindi la zona vesuviana
litoranea. Il mio consorzio, fatta eccezione per Napoli città, con circa
800.000 abitanti e 30 Comuni, tra cui Torre del Greco che è il quarto Comune
della Campania, è il più esteso. Sotto il profilo territoriale il mio
consorzio va dal Comune di Massa Lubrense fino ai Comuni di San Giorgio
a Cremano e Ottaviano, passando per grandi Comuni come Torre Annunziata
e Castellammare di Stabia.
Non desidero qualificare la situazione che ho trovato nel consorzio e
mi limiterò pertanto a fornire alcuni dati che giudicherete voi stessi. Innanzi
tutto ho trovato una sede fuori norma in termini di igiene e sanità,
tanto che le signore che vi lavorano non utilizzano le toilette. La sede è al
di fuori di tutte le normative igienico-sanitarie e relative alla sicurezza.
Non ci sono uffici, ma soppalchi su cui salgono 30-40 persone spesso arrabbiate;
mi chiedo come quei soppalchi possano sostenere il peso di 40
persone che sovente si incontrano per riunioni sindacali e temo che prima
o poi possa verificarsi qualche incidente. Quando sono arrivato non ho trovato
neppure una stanza decente. Ho fatto fare subito un rapporto per la
valutazione del rischio e mi sono stati dati 90 giorni per provvedere,
che sono scaduti a gennaio, ma per mettere a norma lo stabile ci vogliono
soldi che il consorzio non ha.
La situazione che ho trovato al mio arrivo era quella di un consorzio
che non svolgeva alcuna attività da 16-18 mesi e quindi gestiamo 256
persone che non hanno nulla da fare.
 

Domanda: Mi scusi, ma qual è il bilancio del suo consorzio?
 

Senni: Non lo so. I bilanci sono fermi al 2004. L’assemblea dei Comuni
viene disertata da circa due anni e quindi i bilanci non vengono
approvati dal 2004
. Sono tre anni che siamo senza bilancio. Da
quando il Commissariato del Governo non copre più gli stipendi dei
256 dipendenti ma dà soltanto un contributo di 2.000 euro, il mio consorzio
ha consumato 2 milioni e mezzo di euro dei TFR. Attualmente quindi il consorzio
ha due milioni e mezzo di debito di TFR. Un signore è andato
in pensione, uno è morto e io non so cosa accadrà. Nonostante questo,
da quando mi sono insediato ho cercato di mettere a posto la situazione
del TFR. Ma a gennaio, con una delibera, ho dovuto nuovamente mettere
le mani sul TFR 2006 perchè non avevo i soldi per coprire il differenziale
scoperto per pagare gli stipendi.
 

Domanda: I Comuni pagano per il servizio o sono tutti morosi?
 

Senni: Non c’è alcun servizio.
 

Domanda: Ma se non viene erogato alcun servizio si dovrebbe sciogliere
questo consorzio…
 

Senni: Ho 500.000 euro di debiti di quote consortili (nota mia:
cioè le quote che i comuni dovrebbero pagare per l’iscrizione al consorzio
). Da quando
questo consorzio è stato istituito mi dicono che il personale ha sempre lavorato
a titolo gratuito
.
Il consorzio in passato ha realizzato nel Comune di Striano un importante
lavoro di tritovagliatura. A quei tempi spettavano 91 lire a tonnellata
e il consorzio non ha visto un soldo.
Un collega ha detto che i consorzi da quando sono stati commissariati
non vanno bene. Mi permetto di dire, non per vantarmi, che qualcosa sto
facendo, avendo posto fine ad uno dei motivi di forte penalizzazione di
questo consorzio: l’assurdo rapporto con i sindaci che è stato recuperato.
 

Domanda: Lei afferma che non avete commissioni e non erogate
servizi. Ma qual è il personale per il quale afferma che non c’è più nemmeno
il TFR?
 

Senni: I 256 dipendenti che sono lì tutto il giorno in condizioni di
assoluta insicurezza.
 

Domanda: Quindi 256 persone che non lavorano e non vengono
pagate perchè non hanno un servizio.
 

Senni: Non fanno nulla ma vengono regolarmente pagati. Tenga presente
che quando avevano un servizio non venivano pagati dai Comuni.
Tutto il lavoro che svolgevano era a titolo gratuito. Le faccio un esempio.
Sei nostri lavoratori vengono inviati in un Comune dove lavorano per 36
ore. Noi abbiamo contratti di 30 ore e queste sei ore in più, non so da
quanti anni, vengono anticipate dal consorzio. Abbiamo accumulato quindi
150.000 euro di debito dal momento che questo Comune non paga neanche
le sei ore in più di lavoro.
Personalmente mi sono attivato per recuperare una parte della fiducia
dei nostri sindaci ottenendo così diversi affidamenti. Stiamo studiando
come affidare al consorzio la raccolta differenziata e sembra che ci vogliano
affidare anche il servizio integrato. Proprio l’altro ieri ero nel Comune
di Torre del Greco, che conta circa 91.000 abitanti e che, con nostro
grande piacere, desidera farci lavorare.
(…)
Non so come usciremo finanziariamente da questa situazione.
Abbiamo a disposizione 42 mezzi completamente “sgarrupati”, come
dicono da quelle parti, che sono stati oggetto di controllo da parte dei Carabinieri
del NOE e che sono da riattivare.
Vorrei sottolineare infine un altro aspetto. I 256 lavoratori in questione
mi erano stati descritti come persone da evitare: in realtà ho trovato
tanto cuore. Si tratta di persone pronte a lavorare; certo, ci sarà pure la
pecora nera, ma in generale mi sembrano disponibili e mi hanno accettato
con grande entusiasmo.
 

Domanda: Qualcuno ha portato un po’ di carta in procura?
 

Senni: Sì, sono stato subito chiamato dalla procura e dai carabinieri,
perchè, oltretutto, questo consorzio aveva creato una società (che non so a
cosa servisse), in merito alla quale mi sono stati raccontati determinati
fatti. Di essa non si ha più traccia, anzi, è stata ritrovata in provincia di
Pistoia
ed abbiamo ancora 12 euro su 30.000 euro di capitale: la magistratura
sta indagando su di essa come su altri fatti.

Advertisements
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, documenti, madeinitaly, napoli. Contrassegna il permalink.

46 risposte a .: Scorcio (piccolo) sull’emergenza campana :.

  1. AngyBi ha detto:

    La magistratura indaga, i carabinieri e la procura si fanno sentire. Ma prima e soprattutto durante tutto il percorso che ha portato il consorzio ad essere quello che è, dormivano? Si sono svegliati tutti adesso?

  2. AngyBi ha detto:

    La magistratura indaga, i carabinieri e la procura si fanno sentire. Ma prima e soprattutto durante tutto il percorso che ha portato il consorzio ad essere quello che è, dormivano? Si sono svegliati tutti adesso?

  3. alex321 ha detto:

    No. Semplicemente ora il consorzio è stato commissariato, Senni è il commissario e racconta la situazione che ha trovato.

  4. alex321 ha detto:

    No. Semplicemente ora il consorzio è stato commissariato, Senni è il commissario e racconta la situazione che ha trovato.

  5. carmen_asteria ha detto:

    sembra che si risolvano i problemi del mondo con il commissariamento…bha!
    Io vedo quello del comune di Pozzuoli e mi pare che la situazione sia decisamente una MERDA (scusate l’eufemismo)

    Per la prima volta mi da angoscia passare del tempo a Napoli, che si deve fare?

    p.s. ma venerdi mi hanno detto che c’e’ qualcosa di organizzato da ste parti e’ vero?

  6. carmen_asteria ha detto:

    sembra che si risolvano i problemi del mondo con il commissariamento…bha!
    Io vedo quello del comune di Pozzuoli e mi pare che la situazione sia decisamente una MERDA (scusate l’eufemismo)

    Per la prima volta mi da angoscia passare del tempo a Napoli, che si deve fare?

    p.s. ma venerdi mi hanno detto che c’e’ qualcosa di organizzato da ste parti e’ vero?

  7. alex321 ha detto:

    Venerdì c’è la presentazione del nuovo numero di Monitor…

  8. alex321 ha detto:

    Venerdì c’è la presentazione del nuovo numero di Monitor…

  9. alex321 ha detto:

    Lanificio.
    Sai dov’è?

  10. alex321 ha detto:

    Lanificio.
    Sai dov’è?

  11. aeriko ha detto:

    Il commissariamento di un qualsiasi ente in Italia, provoca un giro di soldi non da poco, e chi paga è tutta la collettività da Aosta a Siracusa.
    I commissari secondo la legge dovrebbero essere legati ad eventi eccezionali ed avere una limitata durata temporale. Hanno poteri ampi proprio perchè pensati per risolvere situazioni d’emergenza. Ma le buone leggi in Italia si sa sono sempre usate in modo distorto….
    Non dico sia questo il caso, però date un’occhiata in giro ai vari commissariati di governo ai vari staff ed ai costi di un commisariamento….
    Per lo specifico, sui consorzi etc. etc. una lettura del libro La Casta – ed. Rizzoli apre subito la mente a nuovi orizzonti.
    La munnezza in Campania è un problema che non si vuole risolvere non è un problema irrisolvibile.
    In bocca al lupo al nuovo Commissario

  12. aeriko ha detto:

    Il commissariamento di un qualsiasi ente in Italia, provoca un giro di soldi non da poco, e chi paga è tutta la collettività da Aosta a Siracusa.
    I commissari secondo la legge dovrebbero essere legati ad eventi eccezionali ed avere una limitata durata temporale. Hanno poteri ampi proprio perchè pensati per risolvere situazioni d’emergenza. Ma le buone leggi in Italia si sa sono sempre usate in modo distorto….
    Non dico sia questo il caso, però date un’occhiata in giro ai vari commissariati di governo ai vari staff ed ai costi di un commisariamento….
    Per lo specifico, sui consorzi etc. etc. una lettura del libro La Casta – ed. Rizzoli apre subito la mente a nuovi orizzonti.
    La munnezza in Campania è un problema che non si vuole risolvere non è un problema irrisolvibile.
    In bocca al lupo al nuovo Commissario

  13. lorypersempre ha detto:

    Non ho parole se non kafkiane…
    Come direbbe Marina Massironi “Brrr… rabbrividiamo!”
    Leela

  14. lorypersempre ha detto:

    Non ho parole se non kafkiane…
    Come direbbe Marina Massironi “Brrr… rabbrividiamo!”
    Leela

  15. kappa_pera ha detto:

    allora bisognerebbe commissariare tutto per sperare in un minimo, dico mi ni mo, di giustizia? Roba da matti

  16. kappa_pera ha detto:

    allora bisognerebbe commissariare tutto per sperare in un minimo, dico mi ni mo, di giustizia? Roba da matti

  17. utente anonimo ha detto:

    Alex perdona l’ignoranza: ok ora c’è il commissariamento e la situazione è questa, ma non credo che il consorzio abbia deciso di sfasciarsi in quel modo in gran segreto, all’insaputa di tutti. Che la situazione era quella doveva essere evidente anche prima.
    E’ un po’ chiudere la stalla quando i buoi sono scappati o sbaglio?

    Angy

  18. utente anonimo ha detto:

    Alex perdona l’ignoranza: ok ora c’è il commissariamento e la situazione è questa, ma non credo che il consorzio abbia deciso di sfasciarsi in quel modo in gran segreto, all’insaputa di tutti. Che la situazione era quella doveva essere evidente anche prima.
    E’ un po’ chiudere la stalla quando i buoi sono scappati o sbaglio?

    Angy

  19. alex321 ha detto:

    Che la situazione fosse quella, era tremendamente evidente, da cui la scelta di commissariarlo.
    Un consorzio non si sfascia da solo, perchè è una specie di società per azioni, per semplificarla, i cui azionisti (cioè quelli che ci mettono i soldi) sono i comuni. I dirigenti sono decisi dall’assemblea dei sindaci (che eleggiamo noi!!!). I sindaci hanno nominato dirigenti che hanno prodotto lo scatafascio trovato dal commissario Senni, e poi hanno anche smesso di pagare il consorzio. Insomma… fai due più due… 😉

  20. alex321 ha detto:

    Che la situazione fosse quella, era tremendamente evidente, da cui la scelta di commissariarlo.
    Un consorzio non si sfascia da solo, perchè è una specie di società per azioni, per semplificarla, i cui azionisti (cioè quelli che ci mettono i soldi) sono i comuni. I dirigenti sono decisi dall’assemblea dei sindaci (che eleggiamo noi!!!). I sindaci hanno nominato dirigenti che hanno prodotto lo scatafascio trovato dal commissario Senni, e poi hanno anche smesso di pagare il consorzio. Insomma… fai due più due… 😉

  21. AngyBi ha detto:

    Ok capito.

    …”Indegno di un paese civile…”
    Sei sicuro che ci sia ancora qualcosa di civile sulla terra, quando si parla di essere umani?

  22. AngyBi ha detto:

    Ok capito.

    …”Indegno di un paese civile…”
    Sei sicuro che ci sia ancora qualcosa di civile sulla terra, quando si parla di essere umani?

  23. alex321 ha detto:

    Ci sto pensando…

  24. alex321 ha detto:

    Ci sto pensando…

  25. utente anonimo ha detto:

    dunque i consorzi per i rifiuti in campania spesso sono sostanzialmente delle scatole opache dove far sparire i soldi…

    mai il consorzio è stato costituito dai comuni?

    supramonte

  26. utente anonimo ha detto:

    dunque i consorzi per i rifiuti in campania spesso sono sostanzialmente delle scatole opache dove far sparire i soldi…

    mai il consorzio è stato costituito dai comuni?

    supramonte

  27. alex321 ha detto:

    Tutti i consorzi, in questo settore, vanno intesi come consorzi di comuni…

  28. alex321 ha detto:

    Tutti i consorzi, in questo settore, vanno intesi come consorzi di comuni…

  29. macca ha detto:

    Meglio che stia zitto…
    😦
    Daniele

  30. macca ha detto:

    Meglio che stia zitto…
    😦
    Daniele

  31. fraba ha detto:

    ma venerdì presenti di nuovo a napoli?

  32. fraba ha detto:

    ma venerdì presenti di nuovo a napoli?

  33. alex321 ha detto:

    No non presento!
    E’ una presentazione, ma non mia. Di un giornale.

  34. alex321 ha detto:

    No non presento!
    E’ una presentazione, ma non mia. Di un giornale.

  35. utente anonimo ha detto:

    ottimo post complimenti!
    ti segnalo

    “Solo se ci DANNO FUOCO…. ”
    il nuovo post di clark kent su
    http://www.smclarkkent.blogspot.com
    cordialmente
    clark

  36. utente anonimo ha detto:

    ottimo post complimenti!
    ti segnalo

    “Solo se ci DANNO FUOCO…. ”
    il nuovo post di clark kent su
    http://www.smclarkkent.blogspot.com
    cordialmente
    clark

  37. Loreanne ha detto:

    I casi peggiori, e si sono verificati in taluni luoghi, sono quando i commissari non sono altro che una successione a sè stessi. Il presidente di un ente o un consoorzio che ne ha combinato di cotte e di crude, che ne diviene commissario!!!!
    Anche questo accade in Italia…
    Certo che fa rabbrividire il bilancio con l’avanzo di dodici euro….

    Grazie per gli auguri, Alex…
    🙂

  38. Loreanne ha detto:

    I casi peggiori, e si sono verificati in taluni luoghi, sono quando i commissari non sono altro che una successione a sè stessi. Il presidente di un ente o un consoorzio che ne ha combinato di cotte e di crude, che ne diviene commissario!!!!
    Anche questo accade in Italia…
    Certo che fa rabbrividire il bilancio con l’avanzo di dodici euro….

    Grazie per gli auguri, Alex…
    🙂

  39. utente anonimo ha detto:

    dunque i comuni creano dei consorzi per gestire la raccolta dei rifiuti ma poi li lasciano senza lavoro… interessante…
    supramonte

  40. utente anonimo ha detto:

    dunque i comuni creano dei consorzi per gestire la raccolta dei rifiuti ma poi li lasciano senza lavoro… interessante…
    supramonte

  41. MisterCima ha detto:

    Se non ci vivessi non ci crederei… 😦

    A.I.U.T.O!
    (salvatece…)

  42. MisterCima ha detto:

    Se non ci vivessi non ci crederei… 😦

    A.I.U.T.O!
    (salvatece…)

  43. alex321 ha detto:

    .: Monnezze d’Italia :.[..] Immaginiamo per un attimo che in Italia non ci sia la Campania, e vediamo con qualche rapido flash che succede. Per quanto riguarda la Calabria, si inviano direttamente in discarica 418.000 tonnellate di rifiuti; sommando i sovvalli, le ceneri e la [..]

  44. alex321 ha detto:

    .: Monnezze d’Italia :.[..] Immaginiamo per un attimo che in Italia non ci sia la Campania, e vediamo con qualche rapido flash che succede. Per quanto riguarda la Calabria, si inviano direttamente in discarica 418.000 tonnellate di rifiuti; sommando i sovvalli, le ceneri e la [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...