.: Mercoledì :.

Cronaca dall’Esterno
 

La Pubblica amministrazione online va sfoltita
Sotto accusa anche i siti vetrina: bisogna fornire servizi, non mettersi
in mostra.
Fonte:
VnuNet
.
 

UK, un robot vola sopra le case. Per spiare
La polizia di Liverpool parte con i primi test che sfruttano un robot
autonomo capace di volare fino ad un massimo di 500 metri di altezza e
riprendere tutto quello che vede.
Fonte:
Punto Informatico
.
 

Vibo Valentia tossica
 

Gli agenti del Comando Stazione del Corpo Forestale dello Stato di Vibo Valentia
hanno rinvenuto un ingente quantitativo di rifiuti speciali pericolosi e non
pericolosi, ad alta capacità inquinante, smaltiti illegalmente su un’area di
circa 2500 metri quadrati, in località “Santa Maria” del Comune di Francica,
in una proprietà privata. Il sito, secondo i primi accertamenti eseguiti con
la tecnologia satellitare Gps e con l’impiego del Sim (Sistema informatico di
controllo del territorio) è risultato essere stato utilizzato abitualmente per
lo smaltimento di rifiuti di vario genere: materiale proveniente da demolizioni
edilizie, beni durevoli fuori uso quali frigoriferi, lavatrici, televisori,
scaldabagno, piastrelle e sanitari in disuso, carrozzerie di auto bruciate,
contenitori di vernici in plastica e alluminio, pneumatici fuori uso, suppellettili
vari, batterie di macchine esauste, materiale plastico e ferroso, nonché pannelli
di eternit sia interi che spezzati, costituiti principalmente da fibra di amianto
che risulta particolarmente pericolosa per la salute. All’interno del sito sono
stati notati cumuli di rifiuti bruciati, anche con lo scopo di creare nuovi
spazi per ulteriori abbandoni illegali. Le indagini, immediatamente avviate
dopo il rinvenimento, non hanno ancora portato all’individuazione dei responsabili.

 

Cronaca dall’InFerno
 

Spettacolare l’editoriale della “Voce della Campania”!
Assolutamente da non perdere! Da Asti a Napoli, come la camorra sfrutta la
costruzione delle strade.
Geniale (come da 15 anni a questa parte) il caro Guido Viale, sulle pagine del
Manifesto di ieri:
“La questione dei rifiuti in Campania è un concentrato di tutte le crisi del
nostro paese: crisi culturale, politica, amministrativa, economica, occupazionale,
ambientale, urbana, sanitaria, securitaria: insomma, una bancarotta della democrazia.”
Lo trovate per intero qui. Finalmente qualcosa di sensato.

 

Mancano 3 giorni alla chiusura della discarica di Cava Riconta a Villaricca, quella
dove vengono portati i rifiuti di Napoli e provincia.
Oltre questo, c’è qualcosa di nuovo che mi preoccupa fortemente, che sta avvenendo in Campania.
Qualcosa che forse mi spinge a scrivere e prendere posizione.
Ma non ora. Dopo il caffè. Per ora, giusto per evitare le solite “deviazioni” dai
problemi, vi lascio un piccolo intervento sulla Web TV napoletana
Portadimassa.
La mia riflessione di qualche giorno fa sul “punto della situazione in Campania”, visto
che ha generato un vivace dibattito nei commenti, l’ho messa in bella copia e
stamattina è in apertura su
Altrenotizie.
 

Cronaca dall’Interno
 

Stanotte una zanzara mi ha fatto a pezzi. Urge correre ai ripari.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, discariche, napoli, notizie, pensieri. Contrassegna il permalink.

41 risposte a .: Mercoledì :.

  1. storie ha detto:

    si, ho letto l’articolo di guido viale… molto sensato, davvero molto sensato..tutto dall’inizio alla fine.

    E’ bravo Viale…bravissimo…ma…è secondo, è secondo dopo Il monnezzaro! 🙂

  2. alex321 ha detto:

    Non scherziamo!
    Viale è il capostipite di tutti i monnezzari!
    Che tutti leggano, di lui, “Un mondo usa e getta”, edito da Feltrinelli nel 1994, ed ancora attualissimo (e ristampato).

  3. desiderio947 ha detto:

    Leggerò dopo l’articolo di Viale, ora ti chiedo di poter mettere in evidenza il tuo libro “Le vie infinite dei rifiuti” come riferimento di approfondimento ad un mio post sui rifiuti di oggi.
    Ciao, beppe

  4. macca ha detto:

    Leggo, basito, le cronache dalla Campania. Caro Alex, mi sento cittadino di serie C (neanche B), per colpa di un sistema talmente disastrato da far vergogna. Non serve a nulla la mia vicinanza a te e alla tua terra, ma questo posso fare: non prenderla come scusa.
    Daniele

  5. neradalia ha detto:

    E’ sempre un piacere ascoltare le cose che dici. Aspetto di leggere le novità che per il momento hai rinviato di scrivere.

  6. utente anonimo ha detto:

    Letto tutto, visto tutto.
    Mi piace pensare che gli scioperi che indico, le autogestioni, i picchettaggi, le proteste, abbiano prodotto buoni frutti. Tra i quali i riferimenti precisi ai tuoi interventi e alle tue apparizioni (sottolineo mi piace pensare, quindi visto che la verità fa male, ti chiedo di non spezzare il mio cuore di groupie con crudeli precisazioni riguardo alla fuffaggine delle mie iniziative di protesta).

    Non mi sono loggata quindi non mi firmo, tanto già sai.
    🙂

  7. napartaud ha detto:

    La definizione “bancarotta della democrazia” credo sia assolutamente esatta…
    Ma sono sicuro che Napoli e i napoletani non si accontentino della definizione…
    Vorrebbero un metodo.
    Un metodo per far sì che la parola “democrazia” la scrivi il popolo, e non la camorra.
    P.s: per il problema succhia-sangue… zanzariere dappertutto!!! Qui, in pianure e paludi padane funzionano sempre!!!
    Au revoir.

    Sinceramente e teatralmente.
    R.M.N.

  8. napartaud ha detto:

    La definizione “bancarotta della democrazia” credo sia assolutamente esatta…
    Ma sono sicuro che Napoli e i napoletani non si accontentino della definizione…
    Vorrebbero un metodo.
    Un metodo per far sì che la parola “democrazia” la scrivi il popolo, e non la camorra.
    P.s: per il problema succhia-sangue… zanzariere dappertutto!!! Qui, in pianure e paludi padane funzionano sempre!!!
    Au revoir.

    Sinceramente e teatralmente.
    R.M.N.

  9. Mollie ha detto:

    Leggerò i link, ma questo conto alla rovescia mi pare solo un modo neanche troppo abile per passare sopra alle proteste ai comitati agli accordi alle legalità e finire per buttare la monnezza dove gli pare.

  10. Sydbarrett76 ha detto:

    Dell’articolo di Viale, mi è piaciuta molto l’impostazione della parte in cui parlava della riduzione degli imballaggi, iniziare a produrre meno spazzatura è essenziale per non dover sempre rincorrere il problema, ma non solo in Campania. Dovrebbero fare una campagna di educazione al riciclaggio e alla riduzione della produzione di rifiuti in tutta Italia. Dovrebbero farla a tortorate, se necessario.

    Per le zanzare, hai provato a bruciare cumuli di sacchi di monnezza? dice che le tiene lontane…

  11. Sydbarrett76 ha detto:

    Dell’articolo di Viale, mi è piaciuta molto l’impostazione della parte in cui parlava della riduzione degli imballaggi, iniziare a produrre meno spazzatura è essenziale per non dover sempre rincorrere il problema, ma non solo in Campania. Dovrebbero fare una campagna di educazione al riciclaggio e alla riduzione della produzione di rifiuti in tutta Italia. Dovrebbero farla a tortorate, se necessario.

    Per le zanzare, hai provato a bruciare cumuli di sacchi di monnezza? dice che le tiene lontane…

  12. AngyBi ha detto:

    Per le zanzare va bene anche il fumo di sigaretta, il problema è riuscire a tenere accesa la sigaretta senza trasformare il letto in una pira e Alex in Giovannino D’Arco…..

  13. utente anonimo ha detto:

    Ciao Alex,
    scusa ma non avevo affatto letto i tuoi post sul mio blog…pensa che mi ha avvertito della cosa Paolino ieri sera al telefono.
    Che dire…non sono certo un buon blogger, tuttavia dicono che sia un buon munnezzaro!
    A proposito…in riferimento alla asserzione del tecnico dell’ASM relativa alla temperatura del forno, credo che egli si riferisse al fatto che tutti i forni sono dotati di bruciatori ausiliari a gasolio che in automatico si accendono non appena la temperatura scende sotto una soglia limite che di solito si fissa anche sopra gli 850 °C.
    Ciao!

  14. utente anonimo ha detto:

    Rispetto all’invito a scrivere qualcosa, ho pensato, tempo permettendo, di scrivere un post nel quale fare una proposta di piano regionale di gestioni rifiuti nuovo, visto che i nostri governanti non si decino a farlo, allora lo facciamo noi dal basso, ovviamente sarannno ben accette osservazioni, modifiche, suggerimenti…tutto in piena democrazia. Che ne pensi?

  15. utente anonimo ha detto:

    Rispetto all’invito a scrivere qualcosa, ho pensato, tempo permettendo, di scrivere un post nel quale fare una proposta di piano regionale di gestioni rifiuti nuovo, visto che i nostri governanti non si decino a farlo, allora lo facciamo noi dal basso, ovviamente sarannno ben accette osservazioni, modifiche, suggerimenti…tutto in piena democrazia. Che ne pensi?

  16. alex321 ha detto:

    Questastoria:
    Allora, visto che non ti accorgi dei messaggi, qui accanto, sulla colonna laterale c’è la mia mail… insomma dammi un mezzo per contattarti 😉

  17. alex321 ha detto:

    Questastoria:
    Allora, visto che non ti accorgi dei messaggi, qui accanto, sulla colonna laterale c’è la mia mail… insomma dammi un mezzo per contattarti 😉

  18. utente anonimo ha detto:

    Io sono particolarmente d’accordo con l’idea di Viale di imporre, per legge, la totale eliminazione degli imballaggi, almeno fino a quando la situazione emergenziale non sarà risolta. La cosa varrebbe, come dice lui stesso, anche da testbed per un’eventuale gestione ordinaria, in quel modo, del problema rifiuti.

    Alex, i tuoi contatti con Sodano potrebbero tornare utili in tal senso? Riusciamo, tu, io e tutti gli altri che vorranno aderire (e sai che ne sarebbero tanti) a far sì che una tale legge, sotto forma di decreto, venga emanata?

    Fabio

  19. ladolcetempesta ha detto:

    alex che mi credi o no spero che tutto sto casino servi almeno questa volta a smuovere la melma che tiene bloccata napoli tra la
    monnezza/camorra/politica
    una triade micidiale che affoga non solo la democrazia
    sono afflitta perche devo sempre ripetere la stessa cosa ogni giorno per piu volte al giorno
    si sono napoletana e sono onorata di esserlo si ha ragione nonostante la monnezza i politici la camorra sono onorata di essere napoletana
    ormai e diventato il mio ritornello sul lavoro
    ma segretamente maledico e se potessi farlo piglierei a cazzotti chi ha fatto ha messo in queste condizioni la mia patria di nascita e ha fatto si che dovessi difendere la mia napoletanita’

  20. ladolcetempesta ha detto:

    alex che mi credi o no spero che tutto sto casino servi almeno questa volta a smuovere la melma che tiene bloccata napoli tra la
    monnezza/camorra/politica
    una triade micidiale che affoga non solo la democrazia
    sono afflitta perche devo sempre ripetere la stessa cosa ogni giorno per piu volte al giorno
    si sono napoletana e sono onorata di esserlo si ha ragione nonostante la monnezza i politici la camorra sono onorata di essere napoletana
    ormai e diventato il mio ritornello sul lavoro
    ma segretamente maledico e se potessi farlo piglierei a cazzotti chi ha fatto ha messo in queste condizioni la mia patria di nascita e ha fatto si che dovessi difendere la mia napoletanita’

  21. domdin ha detto:

    Sembra quasi di vivere in un limbo, un universo parallelo, come in un sogno pirandelliano dove la vita è le persone che ci circondano non ci appartengono. Siamo ospiti di una realtà che vediamo da lontano e che ci fa sentire alieni nella nostra terra, nella terra che ci ha fatto nascere, che ci ha fatto unomini o donne e che molto probabilmente ci farà morti e sepolti.

    Affondare una vanga nel suolo campano è come incidere con un bisturi un tumore maligno, solo che ad urlare di dolore non c’è nessuno o ci siamo tutti o ce né qualcuno. Insomma, siamo campani, figli di una terra storica, di una terrà che ha visto per prima i Greci, e che ha aperto la strada alla civilizzazione dell’europa barbara, siamo figli di una cultura millenaria ma dimentichi della stessa. Oggi si direbbe che siamo “figlie ‘e ‘ndrocchia” (si può tradurre in furbi?), gente che ha saputo vivere sotto le dominazioni più disparate e che ha saputo sempre arraffare qualcosa da chi sentiva di dominarla, siamo i figli di chi, in quattro giorni, ha portato alla resa un esercito oppresso come l’esercito tedesco, siamo i figli di Eduardo e di Totò, figli (anzi, amici) di Troisi, siamo figli di principi e di re… Ma, infondo, abbiamo rinnegato i nostri padri, le nostre origini e la nostra storia.

    A napoli, forse in tutta la Campania, si vive di connivenze a tutti i livelli. Il politico non fa più il suo dovere di politico, ma ti fa un favore: ti fa avere la licenza per la casa abusiva, il certificato senza fare la fila, il posto di lavoro senza lavorare. Insomma, la politica acrà anche fallito, ma il popolo, secondo voi, non ha colpe?

    Oggi ho divagato un po’, ma questo blog mi fa venir voglia di scrivere…

  22. domdin ha detto:

    Sembra quasi di vivere in un limbo, un universo parallelo, come in un sogno pirandelliano dove la vita è le persone che ci circondano non ci appartengono. Siamo ospiti di una realtà che vediamo da lontano e che ci fa sentire alieni nella nostra terra, nella terra che ci ha fatto nascere, che ci ha fatto unomini o donne e che molto probabilmente ci farà morti e sepolti.

    Affondare una vanga nel suolo campano è come incidere con un bisturi un tumore maligno, solo che ad urlare di dolore non c’è nessuno o ci siamo tutti o ce né qualcuno. Insomma, siamo campani, figli di una terra storica, di una terrà che ha visto per prima i Greci, e che ha aperto la strada alla civilizzazione dell’europa barbara, siamo figli di una cultura millenaria ma dimentichi della stessa. Oggi si direbbe che siamo “figlie ‘e ‘ndrocchia” (si può tradurre in furbi?), gente che ha saputo vivere sotto le dominazioni più disparate e che ha saputo sempre arraffare qualcosa da chi sentiva di dominarla, siamo i figli di chi, in quattro giorni, ha portato alla resa un esercito oppresso come l’esercito tedesco, siamo i figli di Eduardo e di Totò, figli (anzi, amici) di Troisi, siamo figli di principi e di re… Ma, infondo, abbiamo rinnegato i nostri padri, le nostre origini e la nostra storia.

    A napoli, forse in tutta la Campania, si vive di connivenze a tutti i livelli. Il politico non fa più il suo dovere di politico, ma ti fa un favore: ti fa avere la licenza per la casa abusiva, il certificato senza fare la fila, il posto di lavoro senza lavorare. Insomma, la politica acrà anche fallito, ma il popolo, secondo voi, non ha colpe?

    Oggi ho divagato un po’, ma questo blog mi fa venir voglia di scrivere…

  23. domdin ha detto:

    Perdonate gli accenti messi un po’ a caso e gli errori do ortografia… alle volte, quando scrivo al PC, mi “inzammo”!!!

  24. utente anonimo ha detto:

    Bertolaso ha dichiarato “Se siamo fortunati, nell’arco di una decina di giorni si risolve la crisi…”

    ahahahahahahahahahahahahaah

    no comment..!!

    sANTAkLAUS – http://www.newspusher.org

  25. alex321 ha detto:

    Standing ovation per il commento numero #17 di Domdin!

    Tempesta, se passi a leggere, copialo su napolibloggers 😉

  26. ladolcetempesta ha detto:

    ho lasciato il tuo link su napoliblog non mi piaceva sfruttare le tue fatiche 😛

  27. alex321 ha detto:

    Che organizzazione ;-D
    Cmq sfrutta pure.

  28. alex321 ha detto:

    Che organizzazione ;-D
    Cmq sfrutta pure.

  29. ladolcetempesta ha detto:

    vuoi che copio il commento 17=??in napoliblog?

  30. alex321 ha detto:

    Allora facciamo che domdin va su http://napolibloggers.splinder.com e copia il suo commento #17 nei commenti al tuo post di oggi 😉
    Se no fai tu, tempesti’ 🙂

  31. alex321 ha detto:

    Allora facciamo che domdin va su http://napolibloggers.splinder.com e copia il suo commento #17 nei commenti al tuo post di oggi 😉
    Se no fai tu, tempesti’ 🙂

  32. ladolcetempesta ha detto:

    capo lei comanda io obbedisco commento postato nel gia post creato in napoliblog
    e ora t auguro buon proseguimento io vado a proseguire facendola pagare a tutti belli e brutti fino alle dieci di stasera
    :-p

  33. ladolcetempesta ha detto:

    capo lei comanda io obbedisco commento postato nel gia post creato in napoliblog
    e ora t auguro buon proseguimento io vado a proseguire facendola pagare a tutti belli e brutti fino alle dieci di stasera
    :-p

  34. alex321 ha detto:

    Che efficienza da… centro commerciale 😛

  35. piccerella ha detto:

    ho letto Virgy dai napoletani e ritorno qui dopo un bel pò…voglio segnalarlo anche io 🙂
    ciao,Alex 🙂

    asietta

  36. domdin ha detto:

    Troppo onore… se posso essere sincero, da quando ho conosciuto questo blog, appena mi collego ad internet, prima ancora di andare sul mio sito (www.inambiente.it) vengo qui… perché so che qui c’è aria buona!!!!

  37. utente anonimo ha detto:

    Evidentemente c’è affinità, Domenico. Poi sai, siamo tutti una famiglia, qui 😉
    Alex

  38. utente anonimo ha detto:

    Evidentemente c’è affinità, Domenico. Poi sai, siamo tutti una famiglia, qui 😉
    Alex

  39. utente anonimo ha detto:

    La situazione dei rifiuti e della criminalità è drammatica e le soluzioni vanno ponderate. A tale proposio anche io ho scritto un articolo. Buoa lettura. http://questioneadriaticoionica.blogspot.com/

  40. MisterCima ha detto:

    Gran bell’articolo, quello sul Manifesto.
    In bocca al lupo per sabato (per la pizza ci si organizza per la prossima volta da queste parti?).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...