.: Monnezze d’Italia :.

La provincia di Latina con chi confina a Sud?
 

Stamattina qualcuno si è svegliato storto, a Latina e provincia. Lo si vede dai titoli
dei giornali.
Aperture dedicate all’inchiesta sullo smaltimento illecito di rifiuti speciali. È il
caso del Messaggero che titola “Smaltimento illecito, dieci indagati”. L’occhiello precisa:
“Rifiuti d’oro con la falsificazione dei codici che classificano la tipologia ed il costo
dei materiali conferiti”. Nota mia: oh guarda, una tecnica campana D.O.C., anzi D.O.C.G.
Apertura sulla vicenda anche per La Provincia: “Scandalo rifiuti, dieci indagati”. Nel
catenaccio aggiunge che “Tra i quattro arrestati vi è l’ex patron del Nettuno Calcio,
Antonio Nocera”. L’inchiesta trova spazio anche nella “fotonotizia” del “sole” di Latina
Oggi: “Rifiuti tossici, arresti e indagati” e nel taglio medio del Territorio:
“Rifiuti speciali, c’era l’inganno”.
Qualcuno si aspettava qualcosa di diverso? Credo proprio di no.
Senza fare nessuna polemica, ma solo con tanta tanta amarezza: il ben noto
clan casertano dei casalesi ha il controllo del basso Lazio (e non solo) fin dalla fine
degli anni ’80, e la loro specializzazione dai primi anni ’90 è quella dei rifiuti.
Non sono in vena di proporre scommesse, ma tempo tre mesi ed il prossimo
scandalo rifiuti speciali sarà tra Cassino e Frosinone. Il clan che controlla il
territorio è sempre lo stesso.
 

Sinergie di contrasto
 

Contro lo smaltimento illegale di rifiuti altamente tossici e nocivi nel
sottosuolo, il Corpo forestale dello Stato ricorrerà anche all’ausilio
dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia. E’ stato firmato
infatti un accordo tra Cfs e Ingv per garantire su tutto il territorio nazionale
il pronto intervento per circoscrivere e limitare le emergenze di inquinamento
sotterraneo e l’effettiva sinergia operativa e tecnico-scientifica tra i rilievi
geofisici effettuati dall’Ingv e le analisi chimiche delle sostanze tossiche
effettuate dai laboratori della Forestale. A bordo della nuova Unità operativa del
Nucleo Investigativo Centrale di Polizia Ambientale e Forestale utilizzata dal
Corpo forestale dello Stato per le indagini scientifiche sui reati ambientali
sarà previsto anche l’impiego di strumentazioni geofisiche per l’individuazione
di interramenti di rifiuti tossico-nocivi, discariche abusive e altro.

Insomma, come ho detto a Serre, qui siamo oramai arroccati sulla difesa del
suolo, visto che tutto il resto già è andato a….
 

(parentesi di sfogo)
Da notare che si parla di contrasto, di repressione, ecc. Ma proprio una
soluzione legislativa a monte no, eh?
(fine parentesi di sfogo)
 

Letture consigliate del giorno
Cavallette – “Psicosi
bomba”
(divertentissimo, soprattutto il quiz linkato a fine post)
Sara Nicoli – “DiCo, il ‘partito di Dio’ chiama alle armi” (Altrenotizie)
 

Tutto il resto
 
Caffè, sigaretta, lavoro (molto) e, seguiranno aggiornamenti 😉

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in ambiente, notizie. Contrassegna il permalink.

17 risposte a .: Monnezze d’Italia :.

  1. mata63 ha detto:

    La linea dei Governi, in genere, è orientata alla difesa, in tutti i campi.

    Le uniche cose che sanno fare di preventivo sono le guerre…

  2. alex321 ha detto:

    Eh…
    ma è mai possibile che qua si campa solo facendo resistenza?

  3. neradalia ha detto:

    E io che pensavo che l’unico partito di dio fossero gli Hezbollah libanesi. Ci manca solo che questi si armino… ma dio (per chi ci crede), il Vangelo e quant’altro, in tutto ciò dove sono?

  4. AngyBi ha detto:

    Neradalia:
    i costumini e i cappellini bizzarri, le coreografie spettacolari e le buone parole ad effetto, servono per nascondere la vera natura di questo stato. Stato che di santo non ha proprio niente.
    Dio e i suoi derivati vengono estratti dal cilindro al bisogno, come faresti con l’aspirina.

    Ma la bugia, per fortuna, è una coperta corta….

  5. alex321 ha detto:

    Sarà anche una coperta corta ma… dura nel tempo ed ottiene risultati…

  6. neradalia ha detto:

    @AngyBi:
    Concordo, ma io non sono preoccupato per le bugie, tanto quelle si smentiscono da sole (almeno per noi laici), quanto piuttosto per le ingerenze dello stato senza alcun dio, che fanno ancora leva e presa ancora su tante persone. Quelle sì che vanno respinte colpo su colpo perché sono aberranti.

  7. IenaRidens79 ha detto:

    I Casalesi gia’…secondo me sono arrivati anche a Venafro…c’e’ un europarlamentare della zona accusato di associazione di stampo mafioso che possiede un cementificio…eh gia’ perche’ i Casalesi si sono buttati anche nell’edilizia…mortacci loro…

  8. IenaRidens79 ha detto:

    Ma non sara’ rischioso dire queste cose? Mica voglio trovarmi due pallottole nel culo…comunque il nome del politico inizia con P.

  9. IenaRidens79 ha detto:

    Nome o cognome? Impegnatevi un po’ su…alla prossima

  10. alex321 ha detto:

    Certo! Venafro è loro territorio da ancora prima! Mezzo molise è sotto loro controllo.
    Il nome del politico me lo dici in privato. Ok?

  11. AngyBi ha detto:

    Sì Alex, non c’è dubbio che si tratti di coperta corta purtroppo molto ben ancorata al letto…

  12. avvocangeldemon ha detto:

    … stiamo, quindi, assistendo all’ennesima riedizione de “I soliti noti”?…
    vado a procuraarmi un caffè
    Avvocangelo Paola

  13. alex321 ha detto:

    Precisamente.
    Sempre gli stessi.

  14. avvocangeldemon ha detto:

    Avvocangelo Paola

    … ma il casellario e i carichi pendenti sono usati solo x i clandestini e i tossici?

  15. moltitudini ha detto:

    sottoscrivo il commento #1.

    Ed il problema è esattamente rilanciare uscendo dalla logica che, alex, denunci giustamente al commento 2.

  16. lorypersempre ha detto:

    L’Unità operativa. So come l’hanno formata, attrezzata, diretta.
    Se speri in quella…
    Leela

  17. alex321 ha detto:

    @moltitudini: concordo! Ma il problema diventa tattico: come fare?

    @Leela: infatti non ci spero… Speravo in una soluzione legislativa. Che non c’è.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...