.: Allarmi e riflessioni :.

Codice maligno ospitato su Google Pages
Questa mi è passata sotto gli occhi giusto poco fa. E’ grave.
I Websense Security Labs hanno scoperto che il servizio di hosting di siti Web Google Pages di Google ospita un sito contenente codice maligno. Al momento non si ha notizia che vi siano in giro email o instant message ingannevoli con link a questo sito, tuttavia potrebbero essere in fase di preparazione oppure non essere ancora state diffuse in modo massivo. Il sito era ospitato allo stesso indirizzo IP del sito primario http://googlepages.com. Il file è un trojan per il keylogging, praticamente registra e spedisce a qualcuno ogni tasto che premete sulla tastiera (ah… sempre a proposito di privacy… ne parlavamo ieri, no?).
Websense ha pubblicato il relativo aggiornamento mediante il servizio Real-time Security Updates e il sito è stato inserito tra quelli il cui accesso è inibito all’interno delle categorie di filtering di Websense.
Fonte: VnuNet.
 
Assolti gli attivisti di Greenpeace a Milano
Si è concluso con una vittoria per Greenpeace il processo innanzi alla Corte d’Appello di Milano in cui l’associazione è stata difesa dall’avvocato Luca Gastini. La Corte ha sentenziato un "non doversi procedere" per i volontari protagonisti il 3 luglio 2002 di un’azione dimostrativa all’inceneritore di Como. Nella sentenza la Corte ha accolto la tesi che l’azione promossa non debba essere qualificata come interruzione di pubblico servizio ma come "esercizio arbitrario delle proprie ragioni", avendo gli attivisti di Greenpeace agito per la tutela dell’ambiente e della salute, nell’interesse della cittadinanza di Como e degli stessi enti territoriali.
 
L’organizzazione aveva condotto nel 2002 analisi in quattro regioni italiane su campioni di latte di mucca, provenienti da fattorie poste a breve distanza da impianti d’incenerimento di rifiuti urbani, ritrovando in alcuni campioni – tra cui quello di una fattoria nei pressi dell’impianto di Como – elevate concentrazioni di piombo nel latte.

I 19 attivisti assolti erano stati accusati di "interruzione di pubblico servizio" per essersi incatenati ai cancelli dell’inceneritore. Cinque climber che si erano arrampicati sulla ciminiera dell’inceneritore del capoluogo brianzolo, alta circa 25 metri, erano stati, invece, già assolti dall’accusa di "invasione di terreni o edifici".

"Non si può negare l’impatto ambientale, in termini di produzione di diossine e metalli pesanti degli inceneritori”, spiega Vittoria Polidori, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace. “Continueremo a promuovere misure alternative all’incenerimento dei rifiuti. Anziché bruciare i rifiuti, dobbiamo imparare a ridurre, riusare e riciclare. Il nuovo governo dovrà segnare un’inversione di tendenza su questo fronte, abrogando il decreto che assimila gli inceneritori a fonti di energia rinnovabile. Con quest’obiettivo stiamo raccogliendo le firme per una petizione contro i sussidi agli inceneritori"

(peccato che Vittora Polidori stia dimenticando gli impianti al plasma e quelli a celle combustibili, che forse sono fonti rinnovabili davvero. Qualcuno di voi vive dalle parti di Mondovì?).

Letture consigliate del giorno
La campagna d’Italia (Altrenotizie)
Zia Cassie
No non si parla di referendum.
Se ne parla domani, che è venerdì 😉
Ora è tempo di caffè!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Vivere e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a .: Allarmi e riflessioni :.

  1. storie ha detto:

    dio santo! zio google noooooo :))))

    scommetto che c’è stato il tempo per processare gli attivisti ma meno per eliminare la fonte dell’inquinamento che hanno segnalato “arbitrariamente”.

    kcsa

  2. vintervila ha detto:

    grande! Un altro successo di Greenpeace! 🙂 Sai quanto devono irritare i benpensanti con i loro metodi molto…circensi! hahaha! E’ per questo che li denunciano per delle motivazioni del genere senza pensare che c’è del piombo ANCHE nel loro latte…

  3. storie ha detto:

    Tronchetti Provera!?!?!?!?!?!?!?
    cazzarola!

  4. Loreanne ha detto:

    Sempre più inquietanti e da fare allibire e accapppppponare la pelle, le diavolerie escogitate per violare la privacy e intrufolarsi nella nostra vita!!!

  5. ofelia71 ha detto:

    guarda che me ne ricordo ! domani si parla di referendum !

  6. spudorata ha detto:

    ti lascio un salutino !
    bacio

  7. kymma ha detto:

    Un saluto ed un bacione by imma

  8. enniodigitale ha detto:

    c’entra in parte con il post.
    è da un po’ di tempo che girano mail inviate da banche che avvertono blocco conto bancario. nelle stesse inviatano a entrare tramite un link in una pagina-clone della stessa banca e a lasciare dati personali. si tratta di phishing. contattate immediatamente la filiale più vicina tramite tel.
    io sono stato oggetto di furto di identità.
    diffondete.
    grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...