Cronaca spicciola

Il mondo si presenta sempre allo stesso modo…
Quasi non ho neanche la voglia di leggere notizie ed avvenimenti…
(attimo di sfiducia?) e continuo a pensare a cose che mi renderebbero
non dico felice, ma quasi…
Per fortuna, il prossimo fine settimana andrò ad un bel concerto, così
mi distraggo un po’ 🙂 Già so che sarà bellissimo.
Stamattina, tra vento forte e pioggia, mi sono ritrovato con i
capelli formato "matto da legare" e per tutta la giornata non
torneranno al loro posto.
Poi per fortuna, la giornata si è trasformata, è anche uscito un
po’ di sole anche se restano varie nuvole ed un forte vento.
Mentre sono assalito, come al solito, dal lavoro terribile e
tremendo, mi sono messo un po’ a ragionare sulla questione dei
brevetti sul software, di cui ho già parlato varie volte qui.
Il problema principale nel brevettare il software è che non si "tutela" il diritto
di copia del prodotto finito (come nel copyright), ma, ahimè, si "tutela" l’IDEA
(l’algoritmo).
Praticamente brevettare un algoritmo equivale a brevettare la risoluzione di un
problema matematico, pensate quindi a come sarebbe bello brevettare il teorema del
buon Pitagora e chiedere soldi ogni volta che questo viene utilizzato…
Mah… molto poco convincente.
 

Ho appena trovato in mailbox questa frase: "i tuoi post stanno cambiando"…
Ci devo pensare un po’. Di sicuro stanno diminuendo, poichè ho meno tempo
di prima qui sul lavoro. Se poi sta scadendo anche la qualità… avvisatemi! 🙂
 

Spero di avere più tempo dopo, nel frattempo vi lascio un:

Indovinello
Più si tira e più si accorcia che cos’è?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in pensieri. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Cronaca spicciola

  1. simichan ha detto:

    Purtroppo conosco già la risposta all’indovinello, quindi non la scriverò 😛
    Quella frase che hai trovato in mailbox: ha un fare intimidatorio… Cos’è, una minaccia?

    E che bel concerto vai a vedere? 🙂

  2. Tessa73 ha detto:

    Anch’io sono curiosa: a che concerto vai?
    ^__^

    Ciao

  3. julysan ha detto:

    Mi sa che ho intuito la risposta all’indovinello.. 🙂

    Qual è il concerto?
    Mi raccomando, stai attento a cosa rispondi.. che, da futura musicologa e critica musicale.. non vorrei mi si rizzassero i capelli in testa..! :)) e ce ne vuole per far rizzare i miei capelli che sono molto lunghi e ricci..

  4. utente anonimo ha detto:

    sulla qualità dei tuoi post posso rassicurarti^^

    ps: ma sono l’unica idiota che non sa la risposta del tuo indovinello??!!? 😛

    bacioni*

  5. utente anonimo ha detto:

    ehm….quella di prima ero io alex!!!!! 😀

    tamina*

  6. annadellaporta ha detto:

    non preoccuparti, tamina, ci sono anch’io!

  7. infinitadolcezza ha detto:

    Per quanto riguarda la famosa frase…io la interpreterei sul lato positivo…chissà probabilmente in meglio…sulla qualità ogni giudizio è soggettivo e non posso che dirti che ciò che inseriamo è sempre giusto al momento giusto altrimenti dovremmo rinuanciarvi a un blog, tu che ne dici????baciotti.*Stellina*p.s. sei nato a Na?

  8. julysan ha detto:

    Per quanto riguarda questo mondo che sembra sempre andare in una stessa direzione (quella -per natura- sbagliata) e quel senso di sconforto che prende allo stomaco quando si pensa su larga scala.. vorrei lasciarti qui un testo:

    Eco Di Sirene

    Sorde e implacabili sirene
    davano il triste annuncio
    mentre il tramonto inondava
    i viali deserti
    di oscuri presagi
    giochi di potere sulla nostra pelle
    su quegli uomini armati di romantici ideali
    qualunque sia il compenso
    non restituirà mai il giusto
    Saremo pronti a celebrare la vittoria
    e brinderemo lietamente sulle nostre rovine
    saranno in pochi a riscattarsi dalla povertà
    a rallegrarsi della gloria per quanto infinita
    L’eco tagliente di sirene
    sulle ferite aperte
    aspettavamo impotenti gli attacchi nemici
    forse per l’ultima volta
    giochi di potere sulla nostra pelle
    sulle infanzie sciupate, violentate irreparabilmente
    chi pagherà per questo
    chi ne porterà il segno
    Saremo pronti a celebrare la vittoria
    e brinderemo lietamente sulle nostre rovine
    saranno in pochi a riscattarsi dalla povertà
    a rallegrarsi della gloria per quanto infinita
    Sconfitti e vincenti
    ricostruiremo
    sconfitti e vincenti.

    Carmen Consoli

    A presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...